ALMEYDA: “Sogno di allenare la Lazio”

NOTIZIE SS LAZIO – Reduce dalla promozione nella massima serie argentina con il suo Banfield, Matias Almeyda parla al portale  il catenaccio.es e confessa di seguire spesso la serie A. Molti ricordi biancocelesti nell’intervista di cui sono riportati i passi più salienti:

Segue sempre la Serie A?

“Quando posso, sempre. Tra il fuso orario e le partite del mio Banfield non è facilissimo, ma sono sempre informato sul vostro campionato”

Soprattutto sulla Lazio.

“Certo, è stata la mia prima squadra italiana e quella nella quale ho sentito le emozioni più forti. Quello Scudetto vinto in rimonta nel 2000 rimarrà nella storia”

Calcio a parte, quali sono i migliori ricordi della sua esperienza italiana?

“Senza dubbio il tipo di vita. Roma è una città stupenda e lì ho lasciato tantissime persone importanti, tra le quali alcuni dei genitori delle amiche di una delle mie figlia. Un’altra figlia è addirittura nata a Roma, quindi ti lascio immaginare quanto io sia legato a questa città”

La sua Lazio adesso vive un momento difficile. Fuori dall’Europa e con un presidente contestato dai tifosi.

“Fa male vedere la Lazio ridotta così. È una squadra che da sempre ho nel cuore e non potrò mai dimenticare i miei 3 anni in biancoceleste, nonostante poi fui costretto ad andare al Parma (insieme a Sergio Conceiçao) nell’ambito del passaggio di Hernán Crespo dal club emiliano alla Lazio”

Oggi Almeyda allena il Banfield, appena promosso in prima divisione argentina. Un pensierino alla panchina della Lazio l’ha fatto?

“Sarebbe un sogno poter allenare la Lazio un giorno. Rispetto moltissimo il lavoro di Reja e non voglio creare pressioni, ma non posso nascondere che sarebbe stupendo un giorno poter dirigere la Lazio dalla panchina e tornare a vivere a Roma”

Print Friendly, PDF & Email
© RIPRODUZIONE RISERVATA - La riproduzione, anche parziale, dell’articolo è vietata. I trasgressori saranno perseguibili a norma di legge.