DERBY LAZIO-ROMA. PETKOVIC: “E’ una finale. La vinceremo. Dobbiamo giocare da Lazio, senza frenesia”

IL CORRIERE DELLO SPORT – RASSEGNA STAMPA

Cos’è il derby?
“E’ una partita particolare. Conta molto. Se devo fare un paragone, è come una finale di Coppa. Ma si gioca a calcio. Vale tre punti, ma sono tre punti diversi”.

Come si vince?
“Giocando da Lazio“.

Quale sarà la raccomandazione principale ai suoi giocatori?
“Gli dirò di rimanere tranquilli e di pensare a giocare. Se ci divertiamo, vinceremo”.

Teme di più Lamela o gli inserimenti di Florenzi?
“Non temo niente. Avviserò la squadra su quali possono essere le cose importanti da ricordare, gli aspetti positivi della Roma e anche quelli negativi. Dovremo restare concentrati su noi stessi e cercare di imporre il nostro gioco. Dietro di noi, avremo il pubblico della Lazio per provare a vincere la partita”. 
Che ne pensa di Zeman?
“In Italia è una leggenda. Ha fatto strada, s’è fatto apprezzare anche in ambito internazionale. Penso sia una buona persona e un allenatore valido”.

C’è chi l’ha aiutata a capire meglio l’atmosfera del derby?
“Nessuno in particolare, ma è dal primo giorno in cui sono arrivato alla Lazio che sento parlare di questa partita, ho capito cosa significa derby. Qualcuno ne ho vinto anch’io, anche se in tutta la Svizzera ci sono gli abitanti di Roma. Più che alle sfide del Canton Ticino tra Bellinzona e Lugano, ripenso a quelle tra Young Boys e Basilea oppure a quelli che ho vissuto da giocatore nella mia città. Ai derby di Sarajevo venivano 50 o 60 mila spettatori allo stadio. Questo, invece, devo ancora vedere che effetto fa da vicino”.

Come si è avvicinato al derby? Quanto ci ha pensato?
“Poco. Per adesso non ho avuto molto tempo per pensarci, due giorni fa abbiamo avuto una partita di Europa League, venerdì ho cominciato a riflettere sui ritocchi per la partita con la Roma. Parlerò con la squadra. In serata abbiamo previsto una videopresentazione. Domani si gioca. Il valore bisogna dimostrarlo sul campo”. 

Manicone ha giocato con Zeman ai tempi del Foggia. Le ha svelato qualche contromossa?                                                                                                                                          “Non esistono segreti. Le due squadre si conoscono bene, quasi tutti i giocatori si sono già affrontati sul campo, ognuno sa le caratteristiche dell’altro. Bisogna giocarlo con la testa a posto e le motivazioni giuste, senza strafare”. 
Cosa non dovrà fare la Lazio?
“Non voglio una squadra frenetica, ma che sia in grado di imporre il proprio gioco. Bisognerà conservare la testa giusta per affrontare l’avversario, conoscendone le caratteristiche”.

Si dice: la Roma giocherà all’attacco, la Lazio aspetterà per ripartire. E’ giusto?
Risata. “Siamo abituati a fare catenaccio e ripartire…”.

Si gioca nel ricordo di Gabriele Sandri e di Mirko Fersini. Alzerà gli occhi al cielo per vedere l’Olimpico?
“Mi piacerebbe entrare in campo prima per assistere allo spettacolo dei tifosi, ma lo vedremo solo nel momento in cui usciremo dal tunnel. Speriamo che alla fine possa essere una festa”.

Chi è la favorita?
“Non ci sono favoriti. Dipende dalla forma, da tante piccole cose. Chi riuscirà a prevalere nei dettagli, vincerà”.

I tagli e la capacità della Roma di attaccare: ci sta lavorando?
“Dovremo cercare di giocare da Lazio senza trascurare alcun aspetto. Ma abbiamo avuto un’ora di allenamento per preparare il derby. Meglio concentrarsi su noi stessi, su cosa sappiamo fare”.

Molti giocatori della Lazio hanno vinto gli ultimi due derby. Le hanno dato dei suggerimenti?
“No. Ma allora, facendo giocare gli stessi, potremmo aver già vinto… Ogni derby ha una propria storia. La Roma ci arriverà riposata e avendo avuto sette giorni di tempo per prepararlo. Noi ci arriviamo dopo 17 partite in poche settimane. Dovremo essere più pronti mentalmente, più pronti con la testa”. 

Print Friendly, PDF & Email
© RIPRODUZIONE RISERVATA - La riproduzione, anche parziale, dell’articolo è vietata. I trasgressori saranno perseguibili a norma di legge.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.