“Lazio senza rabbia”

(getty images)
(getty images)

 

RASSEGNA STAMPA SS LAZIO – Ci sono dai dato che parlano da soli e che spiegano le difficoltà biancocelesti: la Lazio ha realizzato 40 gol e altrettanto ne ha subiti; ne girone di ritorno solo il Pescara ha realizzato meno gol della Lazio che ha il peggiore attacco tra le prime 11 in campionato. Possibile ancora l’Europa? «Purtroppo, come negli anni passati, dopo aver lottato a lungo per un obiettivo importante, la squadra si è dissolta nella parte finale spiega Roberto Rambaudi dalle colonne de Il Messaggero – credo che le manchi quella fame di vittorie indispensabile per fare la differenza. Ma vorrei ricordare a quei tifosi che si rammaricano del mancato mercato di gennaio, che solo il Milan ha fatto investimenti importanti». Poi Rambaudi affronta il tema attacco: «All’inizio Petkovic aveva portato una mentalità nuova, sviluppando un calcio propositivo. Con quell’assetto tattico funzionava bene perché tutti i calciatori, a cominciare da Klose, potevano esprimersi al meglio della condizione. Poi, dal secondo tempo di Palermo, sono cominciati gli errori del tecnico che ha lanciato messaggi negativi al gruppo. Continuati contro il Chievo. Errori, verificatisi nel momento cruciale della stagione, pagati a caro prezzo. Adesso quel modulo andrebbe rivisitato in quanto Petkovic dovrebbe affiancare un altro attaccante al tedesco, che non è quello di qualche mese fa: è arrivato il momento di rischiare».
Gabriele De Bari

 

Print Friendly, PDF & Email
© RIPRODUZIONE RISERVATA - La riproduzione, anche parziale, dell’articolo è vietata. I trasgressori saranno perseguibili a norma di legge.