LOTITO si racconta, tra LAZIO e riforme: “I sogni diventeranno realtà…”

RASSEGNA STAMPA SS LAZIO – Sa sempre come far parlare di sé, nel bene o nel male, è uno degli argomenti preferiti degli ultimi mesi nel mondo del calcio. Il suo telefono è ormai bollente da tempo: “Io sono come un’acquasantiera, mi telefonano tutti, perché risolvo i problemi di tutti”, comincia così l’intervista rilasciata a Il Messaggero (E.Bernardini) da Claudio LOTITO, che racconta la sua ascesa nel mondo del calcio e il suo presente biancoceleste. Stiamo portando avanti un progetto di cambiamento del calcio come sistema. Le multiproprietà? Così si valorizzano i giovani, è una delle riforme a breve termine insieme alla riforma dei campionati e del settore giovanile, il fair play finanziario e la prevenzione delle frodi sportive, ma soprattutto gli extracomunitari“. Poi il patron laziale passa a parlare della Lazio: Ce la possiamo giocare con tutti. I tifosi sono tornati? A loro posso dire che i sogni diventeranno realtà, ma senza date e proclami. Quando dico ‘per sempre’ è naturale perché io amo la Lazio, è una questione di passione per la maglia. L’acquisto migliore? E’ Klose, il nostro campione, mentre il giocatore a cui sono più legato è Re Cecconi”. La chiusura sullo stadio: “Per una volta lasciamo che siano gli altri ad andare avanti, poi vediamo come va a finire”.

 

 

Print Friendly, PDF & Email
© RIPRODUZIONE RISERVATA - La riproduzione, anche parziale, dell’articolo è vietata. I trasgressori saranno perseguibili a norma di legge.