ROCCHI: “Questa LAZIO può stupire”

RASSEGNA STAMPA SS LAZIO- E’ stato sicuramente uno dei giocatori più amati dai tifosi biancocelesti negli ultimi anni. Tommaso ROCCHI è entrato nel cuore dei laziali e negli almanacchi come il quinto bomber di sempre nella storia del club più antico della Capitale. L’attaccante veneziano ha deciso poi di separarsi dal club romano perché era ai margini del progetto tecnico, ma si sentiva di poter dare ancora tanto. Dopo le esperienze all’Inter e al Padova, ora Tommaso è arrivato in Ungheria, all’Haladas, cominciando con due gol in due partite. L’ex Empoli è stato intervistato da Il Messaggero (A.Abbate/D.Magliocchetti) a pochi giorni dal match tra Lazio e Genoa, vero e proprio tabù per i biancocelesti. «A dispetto di chi è scaramantico, dico che stavolta ce la facciamo. Parlo con il noi perché la Lazio è la squadra della mia vita e del mio cuore. Sono fiducioso perché quest’anno è una bella squadra che qualcuno fa molto male a sottovalutare. Sono arrivati giocatori bravi come Parolo e Basta e quel Djordjevic, poi, non è niente male: fisicamente è incredibile, ha carattere e movenze da grande. Con Klose potrebbe giocare benissimo insieme. Chi sento dei miei ex compagni? Ogni tanto Ledesma, anche se devo tirare le orecchie ad Antonio (Candreva ndr), gli ho mandato un messaggio e non mi ha ancora risposto. Ovviamente scherzo. E’ un ragazzo speciale, in campo dà tutto, è una garanzia. E poi è il più forte di tutti. Lo vedrei benissimo come capitano. Ha carattere e il giusto carisma, glielo auguro davvero. Ha tutto per centrare l’Europa e poi Pioli è in gamba, serio e preparato. Il mio futuro? Rocchi per ora gioca e si diverte in Ungheria, una bella esperienza. Poi più in là vedremo, a me piacerebbe restare nel mondo del calcio e tornare alla Lazio sarebbe un sogno. Con il presidente ci siamo lasciati bene, quando sarà vedremo».

Print Friendly, PDF & Email
© RIPRODUZIONE RISERVATA - La riproduzione, anche parziale, dell’articolo è vietata. I trasgressori saranno perseguibili a norma di legge.