Lazionews-Lazio-Squadra-Milinkovic
Getty Images
Tempo di lettura: < 1 minuto

Strakosha 6: prende goal senza fare una parata. Nulla può sul diagonale di Missiroli 

Bastos 6,5: si presenta con un look biondo abbastanza improbabile. Tatticamente diligente, in marcatura pulito e puntuale. Peccato quel destro alto di poco 

Acerbi 7: ennesima prestazione maiuscola. Dietro una certezza, insidioso quando si spinge in avanti 

Radu 6,5: controlla con assoluta serenità la spinta degli ospiti. Non soffre mai dalla sua parte 

Lazzari 7: sale sul motorino e brucia tutti sulla destra. Incontenibile in accelerazione fa a fette la difesa spallina. Peccato per il gran palo…..

Leiva 7: assoluto dominatore a centrocampo. Sempre lucido in ogni giocata

Milinkovic 7: cresce di partita in partita. La sua fisicità lo aiuta a vincere ogni duello. Devastante 

Luis Alberto 7: mai banale in ogni giocata. Legge sempre nella maniera migliore la cosa da fare. Delizioso 

Lulic 6,5: non è al meglio ma nessuno se ne accorge. Spinge sempre con puntualità e convinzione. 

Immobile 8: ci mette 3’ a sbloccarla. Goal numero 24 e 25 su 20 partite giocate che lo porta a meno 9 da Chinaglia nella classifica all time dei bomber biancocelesti. Il secondo è da cineteca. Pazzesco. 

Caicedo 7,5: manca Correa ma non se ne accorge nessuno. Ormai il Panterone è una certezza. Serve assist per Immobile, segna in maniera deliziosa. Splendida doppietta

Inzaghi 7:  la sconfitta della Roma è un’occasione troppo grossa da non cogliere. Dopo il derby serviva un segnale forte e la Lazio ci mette 17 minuti a chiudere la gara, mai in dubbio. Allunga su Roma ed Atalanta a +10 e mercoledì il Verona nel recupero per poter andare a +13. 

Adekanye 6,5: entra per Caicedo e tutti giocano per lui. Trova l’abbraccio dell’Olimpico con tanto di cori dalla Nord ed il primo goal in serie A

© RIPRODUZIONE RISERVATA - La riproduzione, anche parziale, dell’articolo è vietata. I trasgressori saranno perseguibili a norma di legge.
Nella notte dei tempi, era il 1994, decisi che il giornalismo doveva essere la mia strada; così è stato. Ho iniziato con il nuoto poi il calcio dei grandi. Ho consegnato giornali nei bar, nei circoli, per strada, annusando il profumo delle rotative ed il fascino della stampa su carta. Mondiali, europei, Nazionale, il miglior momento del calcio Nazionale con le ‘7 sorelle’....non mi sono fatto mancare nulla. Ho lavorato per il Corriere dello Sport, il Tempo, il Giornale, l’agenzia di Stampa Dire, Radio Incontro e dal 1997 sono inviato di Radio Radio. L’unico hobby che ho coltivato ed al quale non rinuncio: 3 figli meravigliosi.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.