azionews-lazio-curva-nord
LaPresse
Tempo di lettura: < 1 minuto

LAZIO BATTISTI – “Tu chiamale, se vuoi, emozioni”. Così cantava Lucio Battisti in uno dei suoi brani di maggior successo. Diverse e contrastanti emozioni quelle che prova ogni amante della musica nel ricordare il 9 settembre 1998. Il giorno in cui uno dei più grandi cantautori italiani lasciò questa terra a causa del cancro a soli 55 anni. Ancor di più i tifosi della Lazio non restano indifferenti al ricordo del poeta reatino. Battisti, infatti, è stato un grandissimo tifoso biancoceleste e ancora oggi, dopo ogni partita della squadra, la sua canzone “I giardini di marzo” risuona allo Stadio Olimpico scaldando il cuore di tutti i presenti.

© RIPRODUZIONE RISERVATA - La riproduzione, anche parziale, dell’articolo è vietata. I trasgressori saranno perseguibili a norma di legge.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.