Lazio, Filisetti: "Contro l'Atalanta mi sono divertito tantissimo"

Pubblicato 
mercoledì, 26/10/2022
Di
Christian Gugliotta
lazionewseu-atalanta-lazio-numeri-difesa
Tempo di lettura: 2 minuti

LAZIO ATALANTA FILISETTI INTERVISTA - La Lazio è reduce dalla convincente vittoria per 0-2 contro l’Atalanta, che ha proiettato gli uomini di Sarri al terzo posto, a pari punti proprio con i bergamaschi. I biancocelesti hanno offerto una grandissima prestazione, prova che ha impressionato Daniele Filisetti, che in passato ha vestito entrambe le maglie. L’ex difensore ha commentato la vittoria della Lazio ai microfoni della radio ufficiale biancoceleste.

LEGGI ANCHE--> Lazio-Salernitana, arbitra Manganiello.

Le parole di Filisetti su Atalanta-Lazio

“Mi sono divertito tantissimo, ero da solo in casa e gridavo, esultavo, sbraitavo: sembravo un cretino. La Lazio non ha sbagliato niente, neanche un passaggio. Domenica sembrava veramente una squadra di Maurizio Sarri, il vero e proprio Sarrismo. Giocare senza Immobile ha favorito molto di più il fraseggio, non ha concesso punti di riferimento all'Atalanta, soprattutto perché i giocatori davanti erano tutti molto tecnici e i difensori facevano difficoltà a marcarli. Poi non puoi rinunciare a un giocatore da trenta gol all'anno. Era da tre o quattro anni che non vedevo l'Atalanta così tanto in difficoltà. Sarri personaggio? Mi è sempre piaciuto, lui riesce a far giocare calciatori individualisti in maniera collettiva, gli fa capire che in quella maniera rendono molto meglio. L'unico con cui ha avuto difficoltà è Cristiano Ronaldo, ma quello è un caso a parte. Da ex giocatore domenica mi veniva da pensare quanto sarebbe stato bello scendere in campo con una squadra così, poi magari non sarei stato in grado, ma mi sarebbe piaciuto.

Le difficoltà delle italiane in Europa

“Perché in Europa si fa questa difficoltà? Perché noi corriamo male e la metà, in Europa il pallone viaggia dieci volte più veloce, al contrario dell'Italia. Penso sia un problema che nasca dai settori giovanili, ci sono molti ragazzi bravi, ma non corrono, non hanno questo tipo di movimento. Secondo me quando si lavora con i ragazzi bisogno iniziare a guardare più i risultati futuri, rispetto a quelli immediati. E' meglio perdere qualche partita in più, ma iniziare a mettere in testa ai giovani il modo di giocare della Prima Squadra, mentre in realtà ogni allenatore mette la proprio impronta e quando il ragazzo fa il salto, si trova spaesato e ricomincia da zero".

,
Non perdiamoci di vista, seguici!
linkedin facebook pinterest youtube rss twitter instagram facebook-blank rss-blank linkedin-blank pinterest youtube twitter instagram