CALCIOMERCATO

Biglia: “Non meritavo gli insulti per aver lasciato la Lazio. Mi voleva una big ma…”

- Advertisement -
Tempo di lettura: < 1 minuto

BIGLIA INTERVISTA – Ai microfoni della Gazzetta dello Sport è intervenuto Lucas Biglia. L’ex regista della Lazio ha parlato della sua carriera in biancoceleste e ha svelato diversi retroscena sul suo addio a Roma. Dopo quattro anni trascorsi con la maglia delle aquile, l’argentino scelse di intraprendere il cammino verso la Milano rossonera. Decisione mal digerita dai supporters della Lazio che, però, in quella finestra di mercato videro arrivare Lucas Leiva.

L’addio alla Lazio

 “Per restare a Roma ho detto no a una big europea. Non posso dire quale, ma non meritavo di essere chiamato mercenario. Il mio rinnovo con i biancocelesti è stato il più lungo della storia, volevo restare. Scelsi il Milan per provare una nuova sfida, che male c’è? Non meritavo gli insulti, e quando ho lasciato la Lazio ho pianto”.

I rimpianti in biancoceleste

“Le 6 finali perse sono il maggior rimpianto. Me ne bastava una, una soltanto, e sarebbe stato più semplice prendere molte decisioni. Gli insulti e le critiche che mi presi ad Auronzo due giorni prima di lasciare la Lazio. Non me li meritavo. Mi hanno fatto male sul serio, perché con la Lazio mi sono sempre comportato in modo corretto. Lo dovevo a Tare, che un giorno venne a vedermi in Belgio e a fine partita disse che sarei diventato il regista titolare della Lazio, e ai tifosi stessi”.

La fascia di capitano

“È successo un casino. Battute a parte, fu un onore. Una responsabilità. All’inizio avrebbe voluto dare la fascia a Klose, ma era a fine carriera e disse di no. La scelta era tra me e Candreva, Pioli scelse me. Poi Antonio si rifiutò di fare il vice, ma tra noi nessuna polemica”. 

- Advertisement -© RIPRODUZIONE RISERVATA - La riproduzione, anche parziale, dell’articolo è vietata. I trasgressori saranno perseguibili a norma di legge.

Latest Posts

APPROFONDIMENTI