Getty Images
Tempo di lettura: < 1 minuto

STRAKOSHA CORONAVIRUS – Si è alzato un polverone sulle dichiarazioni rilasciate nella giornata di ieri dall’ex calciatore Massimo Brambati. L’opinionista, ai microfoni di TMW Radio, aveva lanciato allusioni su possibili giocatori positivi al Coronavirus. In serata poi, in una diretta Instagram, non aveva lasciato spazio a equivoci: “Non mi azzardo a dire questa cosa in televisione, ma su una diretta Instagram si può fare. Ci sono due giocatori, uno del Milan e uno della Lazio, positivi al Coronavirus. Quello biancoceleste è Strakosha, che dicono abbia un infortunio alla caviglia e non è vero. Ha fatto un tampone ed è risultato positivo. Non lo so di Ibra, ma Kessie del Milan è positivo. Siccome ha viaggiato tornando dall’Africa con Gervinho affianco, hanno messo in quarantena anche Gervinho”.

Dimitris Strakosha smentisce tutto

Un fulmine a ciel sereno, arrivato dopo la comunicazione della società degli esiti negativi dei primi tamponi. La Lazio, al momento, non ha commentato questa esternazione, al contrario di quanto fatto dal fratello di Thomas, Dimitris Strakosha: “Dovresti vergognarti di diffondere bugie e, se non rispettassi la tua età, ti farei personalmente causa per disinformazione“, ha scritto in una storia su Instagram.

© RIPRODUZIONE RISERVATA - La riproduzione, anche parziale, dell’articolo è vietata. I trasgressori saranno perseguibili a norma di legge.
La nostra redazione nasce nel 2011, per la grande immensa passione per la Lazio che ci ha sempre guidato dalla nascita. Il nostro obiettivo è quello di rendere l'informazione biancoceleste libera da ogni tipo di commento e di opinione personale. A noi piace fare i 'cronisti', raccontare quello che vediamo, quello che ci viene detto attraverso le nostre esclusive, approfondire ogni tematica riguardante la prima squadra della Capitale. Il nostro slogan? "Lazionews.eu: la tua Lazio, in tempo reale". FORZA LAZIO!!!

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.