CALCIOMERCATO

Calciomercato. Djilobodji, l’agente smentisce ma la Lazio parla col Chelsea

- Advertisement -

Tempo di lettura: 2 minutiLAZIONEWS.EU – Mentre l’affare Douglas resta in stand-by, troppo alte le pretese del Dnipro intorno ai 7 milioni di euro per il difensore, il ds Tare continua a guardarsi attorno alla ricerca del centrale giusto per sostituire l’infortunato de Vrij nel mercato di gennaio. Tra i diversi nomi che piacciono alla dirigenza biancoceleste c’è quello di Papy Djilobodji, senegalese classe ’88 in forza al Chelsea ma scaricato da Mourinho: “Non è stato una mia scelta”, dichiarava lo Special One già a settembre. Il tecnico dei Blues non ha mai reputato il giocatore all’altezza, il difensore infatti ha collezionato da inizio stagione appena un minuto nel 3° turno di League Cup e soltanto posti in tribuna tra Premier League e Champions. Due le convocazioni, una con lo Stoke City nel 4° turno di Coppa di Lega e una con il Tottenham nell’ultima giornata di campionato: “Non è pronto per il debutto”, ha lasciato intendere l’allenatore nella conferenza stampa della vigilia. Perché con l’infortunio di Terry, sa di potersi affidare a Cahill e Zouma, senza neppure mai nominare Djilobodji. Il centrale 27enne, esploso nel Nantes quando era compagno di squadra del biancoceleste Djordjevic, è chiuso dalle gerarchie del Chelsea e vorrebbe trovare una nuova sistemazione a gennaio per farsi le ossa.

La Lazio ha intuito l’affare, il difensore piace e rientra nella lista degli osservati speciali dal ds Tare. In serata l’agente del senegalese ci ha tenuto a smentire ogni contatto con la dirigenza biancoceleste: “Non so niente di un possibile trasferimento di Papy alla Lazio a gennaio – ha dichiarato il procuratore Mouhamed Gueye a tuttomercatoweb.com – Da Roma al momento non ho ricevuto nessuna dimostrazione d’interesse per il mio assistito, men che meno una telefonata”. Uno scenario piuttosto plausibile quello delineato, perché la società capitolina non è passata per l’agente del giocatore. Il club biancoceleste infatti si è affidato a un intermediario di mercato per mettersi in contatto direttamente con il Chelsea e chiedere informazioni sul centrale. Per il quale il presidente Lotito sarebbe disposto a mettere sul piatto 3,5 milioni di euro per il prestito con eventuale diritto di riscatto a giugno.

Giorgio Marota

- Advertisement -© RIPRODUZIONE RISERVATA - La riproduzione, anche parziale, dell’articolo è vietata. I trasgressori saranno perseguibili a norma di legge.

Latest Posts

APPROFONDIMENTI