Milinkovic non rinnova: divorzio con la Lazio (quasi) inevitabile

Pubblicato 
mercoledì, 18/05/2022
Di
Daniele Izzo
lazionews-lazio-milinkovic-mascherina
Tempo di lettura: 2 minuti

CALCIOMERCATO LAZIO MILINKOVIC ULTIME - I tormentoni sono orecchiabili, entrano nella testa e donano attimi di spensieratezza. Ben si sposano con il clima che va respirandosi d'estate. Tutto il contrario, praticamente, di quello a cui vanno incontro spediti i tifosi della Lazio. Quello inerente il futuro di Sergej Milinkovic-Savic.

Calciomercato Lazio: le ultime su Milinkovic-Savic

Nonostante le parole di Lotito prima ("non è in vendita") e Sarri poi ("non so se andrà via. Dopo aver ascoltato le parole del presidente non penso sia sicuro. E se dovesse succedere andrà all'estero"), ciò che trapela dall'ambiente biancoceleste è che, dopo l'ultima con l'Hellas Verona, sarà addio. Come sottolineato da Il Corriere dello Sport, il serbo non rinnoverà il contratto in scadenza nel 2024, rendendo quasi inevitabile la cessione. Le opzioni alternative ci sono, certo, ma non sarebbero vantaggiose per nessuna delle parti in causa.

Le preferenze della Lazio

La cessione appare, dunque, inevitabile. Rimangono da capire le condizioni: a quel prezzo sarà ceduto Sergej Milinkovic-Savic? E a chi? La Lazio, non è un mistero, preferirebbe cederlo all'estero. Dopo così tanti anni di passione calcistica condivisa, incontrarlo in campionato con una diversa livrea indosso non sarebbe opzione gradita. Perciò la speranza è che le quattro o cinque manifestazioni d'interesse raccolte da Kezman in giro per l'Europa (soprattutto in Inghilterra) possano tramutarsi in qualcosa di concreto.

Pogba e Milinkovic, destini incrociati: il pericolo Juventus

Rimane però un'opzione anche italiana: la Juventus. In questo caso, alle preferenze estere della Lazio, va intrecciato un altro discorso, ovvero il destino di Paul Pogba. Qualora la 'Vecchia Signora' dovesse chiudere per il ritorno del centrocampista francese, a cui tra l'altro Milinkovic-Savic ha detto di essersi ispirato nei primi mesi in Italia, è molto difficile che tenti anche l'affondo per il serbo. L'ormai ex Manchester United, quindi, potrebbe servire un assist involontario a Lotito. Un passaggio che, nel caso, il patron biancoceleste raccoglierebbe più che volentieri. Perché il tormentone non sarà certo piacevole, ma lasciare andare il 'Sergente' verso lidi non italiani sarebbe un palliativo non indifferente.

LEGGI ANCHE --> Ultras Lazio: “La Nord un muro colorato dai nostri vessilli”

, , , , ,
Non perdiamoci di vista, seguici!
linkedin facebook pinterest youtube rss twitter instagram facebook-blank rss-blank linkedin-blank pinterest youtube twitter instagram