CALCIOMERCATO SS LAZIO – Da qualche giorno si parla di una trattativa molto calda tra la LAZIO e il PARMA per il trasferimento di Marco PAROLO in biancoceleste. Un’asse incandescente, riscaldato ancora di più dall’esclusione del club ducale dall’Europa LEague, che potrebbe giungere alla fumata bianca in tempi brevi almeno stando alle indiscrezioni che sono circolate fin qui. Non è dello stesso avviso però  il direttore dell’area tecnica gialloblu, Antonello Preiti che, intervistato da calcionews24.com, ha fatto il punto sullo stato della trattativa.

Parolo alla Lazio è un affare già fatto?
“Lo leggo dai giornali, Parolo sta facendo i Mondiali. Ne sento parlare, di un accordo raggiunto ma io non no ne so niente”.

Non c’è stato un contatto recente con la dirigenza biancoceleste?
“Assolutamente no”.

L’ammistratore delegato Pietro Leonardi ha recentemente affermato che i vostri gioielli sono in vendita, non in svendita. Vuol significare che non c’è fretta per concludere?
“Quello è poco ma sicuro, Leonardi ha detto la cosa più opportuna e vera: il Parma non svende i suoi giocatori. Queste sono chiacchiere, siamo impegnati in altre cose ora”.

Quindi non parliamo di una trattativa in dirittura d’arrivo, se ne riparlerà in avanti?
“Per fare una trattativa servono i dirigenti e io e Leonardi siamo qui in sede, quindi. Si sente parlare di qualcosa che è già nell’aria, fa piacere che se ne parli perché evidentemente abbiamo costruito una squadra di valore. Da lì però a dire che la trattativa è chiusa, assolutamente no”.

Anche Paletta è nel mirino della Lazio?
“No, ripeto, sono due giocatori concentrati sui Mondiali. Se sono nella bocca di tutti fa piacere, significa che ci abbiamo visto lungo ma non posso confermare che ci sono trattative. Si leggono su tante testate di trattative chiuse, di apprezzmenti diretti. Bene, ci fa piacere e come diceva qualcuno famoso: l’importante è che se ne parli”.

Print Friendly, PDF & Email
© RIPRODUZIONE RISERVATA - La riproduzione, anche parziale, dell’articolo è vietata. I trasgressori saranno perseguibili a norma di legge.