L’allenatore croato sembra la scelta definitiva di Lotito e Tare. Domani già potrebbe essere nella Capitale per la firma…

(getty images)

Il nuovo allenatore della Lazio potrebbe essere Vladimir Petkovic. La notizia è di questa mattina, ma secondo alcune indiscrezioni, il tecnico croato, domani potrebbe già essere a Roma per firmare con la società biancoceleste. Petkovic, attuale mister del Sion, ha vinto il doppio scontro con l’Aarau, nel campionato svizzero salvando così la sua squadra dalla retrocessione. Il curriculum di questo allenatore non è però molto entusiasmante. Dopo gli inizi al Malcantone Agno, sempre in Svizzera, Petkovic si trasferì al Lugano conquistando l’ottavo posto in Challenge League. Nel 2006 approdò al Bellinzona dove, dopo il nono posto del 2006, riuscì a raggiungere il secondo posto in classifica nel 2007 approdando allo spareggio per la promozione in Super League ancora contro l’Aarau. Nel 2008, dopo essersi clamorosamente qualificato alla finale della Coppa di Svizzera, il Bellinzona guida la Challenge League sino a poche giornate dalla fine del campionato ma il primo posto (valido per la promozione diretta) viene conquistato dal Vaduz. Per il secondo anno di fila la formazione gioca lo spareggio promozione-relegazione e questa volta, a scapito del San Gallo(sconfitto 3-2 all’andata e 2-0 il ritorno), ha modo di festeggiare l’ascesa al massimo campionato elvetico. Il Bellinzona però decide di non confermarlo e così Petkovic passa allo Young Boys, ex squadra di Lulic. Per risultati non entusiasmanti, dal primo Luglio del 2011 è il nuovo allenatore del Samsunspor, squadra turca. Dopo la retrocessione viene però esonerato e arriva così al Sion, salvato come detto ai playout.

Dunque il croato sembra molto vicino a diventare il nuovo tecnico della Lazio. Le altre piste sembrano ormai abbandonate, a meno che non si verifichi qualche colpo di scena. Montella era un nome molto caldo, ma dopo le advances di Lotito, l’ex aeroplanino rifiutò per andare alla Roma. Nel momento in cui però la dirigenza giallorossa cambiò preferenze per la panchina la Lazio non lo ha ricontattato. Stesso discorso per Mazzarri, verso il quale Lotito e Tare avevano mostrato grande interesse. A frenare il tutto però i 2,6 milioni che percepisce il toscano al Napoli. Resta forse ancora aperta la porta che conduce a Carlos Dunga mentre sono ormai da escludere i nomi di Zola, Rodgers, Gasperini e Del Neri.

A.C.

Print Friendly, PDF & Email
© RIPRODUZIONE RISERVATA - La riproduzione, anche parziale, dell’articolo è vietata. I trasgressori saranno perseguibili a norma di legge.

1 commento

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.