lazionews-lazio-fabio-capello.jpg
LaPresse
Tempo di lettura: < 1 minuto

CAPELLO LAZIO SERIE A – La Serie A è ai box per lasciare spazio alle Nazionali. Dopo tre giornate, il campionato italiano ha già dato un’idea dei valori delle rose che quest’anno si contenderanno lo scudetto. La Lazio, apparsa in difficoltà con l’Atalanta, si è parzialmente riscattata contro l’Inter, ma la squadra di Gasperini, così come Juventus e Napoli, sembra avere un altro passo. E’ questa l’opinione fatta propria anche da Fabio Capello. L’ex allenatore, tra le altre, di Roma e Milan, ha rilasciato un’intervista a Radio Due nella quale ha confidato anche di essere stato vicino in passato alla Lazio.

Serie A, Capello esclude la Lazio dalla lotta scudetto

“Quest’anno la favorita è l’Inter. Perché nella voglia di cambiare giocatori, ha tenuto anche dei calciatori che dovevano andare via e invece sono rimasti. Ha una rosa super fornita, di grande livello. La Juve ha fatto ottimi acquisti, ma bisognerà vedere come riuscire a metterli in campo. Stavolta gli avversari sono molto competitivi. Metto prima l’Inter. Poi il Napoli. E poi per la Champions il Milan insieme alla Roma. L’Atalanta? È molto interessante, se recupera Ilicic diventa una mina vagante, vedremo come si posizionerà alla metà del torneo. È una squadra da temere da parte di tutti”.

Capello e la Lazio

“Fui vicinissimo alla Lazio nel 1997. Ci incontrammo a Madrid, allenavo il Real, poi mi richiamò Berlusconi, al quale dovevo tutto e a quel punto per riconoscenza accettai il Milan. Fu il mio più grave errore nelle scelte quello di tornare. Io ho una capacità nel costruire le squadre, lì mi ritrovai con la squadra fatta, e non era una squadra competitiva”.

© RIPRODUZIONE RISERVATA - La riproduzione, anche parziale, dell’articolo è vietata. I trasgressori saranno perseguibili a norma di legge.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.