CONFERENZA STAMPA REJA. ''Contro le grandi ci esaltiamo. Domani in campo senza paura''

Pubblicato 
martedì, 10/04/2012
Di
Redazione Lazionews.eu
Tempo di lettura: 4 minuti

CONFERENZA STAMPA REJA. ''Contro le grandi ci esaltiamo. Domani in campo senza paura''

Il mister parla anche di Alessandro Nesta, accostato in questi giorni alla Juventus:''Chiunque vorrebbe allenarlo, ma credo resterà al Milan''...

getty images

E' tornato a parlare della sfida di domani sera contro la Juventus, il mister della Lazio Edy Reja, in conferenza stampa, da Formello. Ecco le sue parole:

‘’ E' una sfida bellissima, contro una squadra che vive un buon momento, sia fisico che di classifica. Sarà una gara impegnativa e difficilissima, se consideriamo poi che Radu e Konko non ci sono. Dovrò di nuovo cambiare assetto tattico e fare delle valutazioni considerando anche Matuzalem e Brocchi. Per affrontare la Juve con una rosa adeguata, dovremmo trovare delle soluzioni; scenderanno in campo quelli che stanno bene’’

Quale partita dovrà fare la Lazio?

‘’Noi dovremmo non concedere troppi spazi, davanti hanno tanta qualità e anche i centrocampisti partecipano all’azione. E' una squadra con carattere, temperamento e qualità e la classifica rispecchia questi dati. Devo fare veramente i complimenti a Conte che sta facendo un lavoro straordinario; tutti giocatori bianconeri hanno gamba, tecnica e qualità’’

Un giudizio su Mauri?

‘’E' un giocatore al cento per cento della lazio perché ha sempre fatto delle ottime prestazioni, spesso è stato decisivo ed è sereno. In settimana ci saranno dei colloqui ma credo sia una prassi visto che è stato fatto il suo nome. Quando siamo messi in mezzo sembriamo già condannati. Mauri e Brocchi si sentono completamente al di fuori del calcio scommesse’’

La Juve non ha mai perso? E' imbattibile?

‘’Vincere con la Juventus è molto difficile ma ogni partita ha una storia a sè. Vediamo come la affronteremo, ma bisogna considerare che le ultime partite con la Juve non sono andate malissimo. A Torino l’anno scorso abbiamo perso a due secondi dalla fine; all’andata quest'anno non meritavamo la sconfitta e questo forse è il momento per poter creare dei problemi alla Juve. Dobbiamo possibilmente fare risultato e aumentare la percentuale di punti per raggiungere il terzo posto. Mi auguro che possa girare la fortuna’’

Infortuni e Hernanes in panchina?

‘’Probabile che ci sia questa soluzione però dovrò anche tenere in considerazione la frase offensiva e vedere quelli che sono disposizione, non possiamo permetterci di andare a Torino senza offendere, ma dovrei trovare una contrapposizione adeguata su Pirlo. Dovremmo arginare centralmente e stare molto attenti sulle situazioni di palle inattive perché loro sono molto bravi. Hernanes è stato sempre decisivo per noi ma ci sono dei momenti che io cambio anche dal punto di vista tattico,  ma non significa che ci sia per forza qualcosa che non va. Da lui si pretende sempre un rendimento alto, ma non sempre un giocatore è al top. Ci sono dei momenti in cui magari non riesce a dare il massimo’’

Nesta vicino alla Juve. Se arrivasse alla Lazio?

‘’Mi piacerebbe allenare un grande giocatore come Nesta. E' chiaro che valuto anche le qualità morali e umane. Nesta è un giocatore mai fuori dalle righe, sempre con atteggiamenti straordinari, anche se ha qualche problemino fisico. La juve è interessata, ma è chiaro che non potrà giocare 60 partite. Se verrà alla lazio non lo so; dipende dove arriviamo, come finiremo, in base poi alla classifica finale sarebbe un giocatore da tenere in considerazione qualora lui volesse venire qui. Ma conoscendo l’ambiente non so se accetterebbe di chiudere la carriera a Roma. E' un giocatore che farebbe comodo a tutti non solo alla lazio. Nonostante le voci io penso rimarrà al Milan’’

La Juve e le sue caratteristiche?

‘’Conte ha dato un concetto e una mentalità particolare a questa squadra, inserendo giocatori nuovi, dando nuova filosofia. Mi ha sorpreso il modo di strare in campo e il 3-5-2. Mi dicevano che ero vecchio quando lo facevo al Napoli, perchè si pensava che era un modulo vecchio e invece poi è ritornato. Conte ha dato una filosofia importante soprattutto per squadre come la Juventus che devono giocare sempre per vincere. Loro sono primi e hanno anche la finale di Coppa Italia da giocare; penso che rimarranno in testa fino alla fine, anche perché il Milan ha tanti infortunati e non sta vivendo un buon momento di forma’’

Il 3-5-2 alla lazio?

‘’C’è la possibilità perché Radu e Konko non giocano. Dobbiamo tenere in considerazione questa eventualità, secondo me giocando con tre dietro possiamo avere equilibrio per quanto riguarda la fase tattica''

100 gare con la Lazio. Quanto sarebbe importante vincere?

‘’Sarebbe bello vincere e festeggiare questo traguardo soprattutto per la Lazio perché veniamo dalla vittoria con il Napoli e c'è entusiasmo. Adesso abbiamo due trasferte e dovremmo tornare a casa con più punti possibili per consolidare il terzo posto. Cercheremo sempre per 90 minuti di dare battaglia. Il pronostico non è a nostro favore domani, ma il rettangolo di gioco è quello che poi determina il risultato. Quando ho utilizzato giocatori che hanno giocato meno ho sempre visto buone prestazioni’’

E sulla lotta al terzo posto?

‘’Il Napoli è ancora dentro perchè ha un calendario abbordabile; abbiamo un notevole vantaggio ma ancora non è sufficiente. Mancano 7 partite e bisogna vedere come andrà a finire perché la media punti per la Champions può alzarsi o abbassarsi, non possiamo prevederlo. Ogni partita in meno che giochi ci fai su delle considerazioni. Abbiamo balbettato tanto quest'anno ma anche le atre e fortunatamente siamo rimasti terzi’’

Cosa è successo dopo il Derby?

''E' stata un'esperienza che ci è servita e non commetteremo più l'errore di prendercela troppo alla leggera. Questa squadra qui, questo errore non lo commetterà più, giocherà con l'intensità vista con il Napoli fino alla fine del campionato''

La lazio in trasferta ha stentato nel 2012, è una sfida Davide contro Golia? E quali sono i valori per battere la Juventus?

‘’Serve attenzione dal punto di vista tattico, e poi l’aspetto caratteriale che non è mai venuto meno anche in prestazioni negative. Contro squadre di un certo livello non abbiamo mai sbagliato, come con la Roma o il Milan; c'è stata sempre qualità in campo. Io penso che sarà così anche domani sera, considerando e rispettando il valore della Juve. Anche noi però abbiamo personalità e forza. Scenderemo in campo senza timore, anche se resta la grande considerazione per la Juve’’.

, ,
Non perdiamoci di vista, seguici!
linkedin facebook pinterest youtube rss twitter instagram facebook-blank rss-blank linkedin-blank pinterest youtube twitter instagram