'Che finimondo': Provedel ha già conquistato la Lazio

Pubblicato 
domenica, 02/10/2022
Di
Daniele Izzo
lazionewseu-lazio-provedel-coro-canzone
Tempo di lettura: 2 minuti

LAZIO PROVEDEL - Intrigata, o quantomeno affascinata la Lazio la era già. Ma dopo un inizio di stagione del genere Ivan Provedel sta toccando con mano tutto l'affetto che il tifoso laziale sa offrire. Qualora non bastasse l'accoglienza a lui riservata sia all'Olimpico che in trasferta, si può fare un veloce giro sui social per accorgersi di come il portiere friulano sia entrato in poco tempo nel cuore degli appassionati biancocelesti.

LEGGI ANCHE: Conosciamo meglio Ivan Provedel, il portiere della Lazio

Lazio, la canzone per Provedel

Subentrato a Maximiano, espulso dopo pochi istanti nella gara con il Bologna, Ivan Provedel non ha più svestito i guantoni, proteggendo i pali della porta della Lazio in tutti i minuti stagionali. Fatto che, avvalorato da grandi parate, interventi prodigiosi e più di qualche clean sheet, ha portato il friulano alla convocazione in Nazionale. Ma non solo. Grazie a un inizio d'annata folgorante, Provedel si è guadagnato l'affetto incondizionato del mondo biancoceleste, che gli ha già dedicato una canzone. Sui social spopola, infatti, un remix di “Finimondo”, celebre brano di M¥ss Keta, opera di Skeggia, nome d’arte di Davide Boni. Il video, caricato su YouTube, ha presto toccato tutti gli altri social, sulle note di un ritornello che fa: "Che finimondo per quel portiere biondo, si chiama Provedel! Sarà volato, anvedi che ha parato, dio vede e Provedel".

Provedel e la Lazio: i numeri dell'inizio di stagione

Il clean-sheet di domenica è stato il terzo conseguito da Provedel con la maglia della Lazio. Dopo Torino ed Hellas Verona, l'ex Spezia è riuscito a mantenere la porta inviolata anche con la Cremonese. Il tutto prima che all'Olimpico, dopo la sosta, faccia capolino proprio la sua ex squadra. Tornando però agli incredibili numeri di questo inizio di stagione, il classe '94 ha subito in Serie A TIM solamente cinque reti in 622' minuti, per la strabiliante media di un gol subito ogni 124 minuti. Addirittura due in meno rispetto all'Europa League, dove, a onor di cronaca, Provedel ha già raccolto 7 volte la sfera in fondo al sacco. Su questo score, tuttavia, bisogna sottolineare il peso della trasferta danese, nella quale la Lazio ha subito cinque gol, e il numero uno è stato comunque uno dei migliori parando anche un rigore. Diciamo che il sostantivo scelto dal club, per accompagnarne le immagini social, calza a pennello: sicurezza.

LEGGI ANCHE: Le prime parole di Provedel dal ritiro dell'Italia

, ,
Non perdiamoci di vista, seguici!
linkedin facebook pinterest youtube rss twitter instagram facebook-blank rss-blank linkedin-blank pinterest youtube twitter instagram