lazionews-lazio-mancosu
Lazionews.eu
Tempo di lettura: 2 minuti

AURONZO 2019 LAZIO ENTELLA ESCLUSIVA MANCOSU – La Lazio gioca bene, segna e continua a mostrare un buon calcio nel ritiro estivo di Auronzo di Cadore. L’amichevole contro la Virtus Entella, vinta per 5 a 0 dalla squadra biancoceleste, ha dimostrato l’ottimo stato di forma acquisito dai ragazzi di Inzaghi. I liguri, neo-promossi in Serie B, si sono affidati alle ripartenze e alla qualità degli attaccanti. Tra questi, Matteo Mancosu, giocatore classe 1984 che esordì in Serie A con la maglia del Bologna nel 2015, segnando un gol proprio alla Lazio di Pioli. Protagonista dei primi 45 minuti dell’amichevole, Lazionews.eu ha intervistato in esclusiva Mancosu nel post-partita. Queste le sue dichiarazioni.

MATCH – “Una bella partita, a noi serviva soprattutto per mettere minuti nelle gambe. La Lazio è molto più avanti di noi, si è visto in campo. Oltre alla maggiore caratura tecnica e fisica avevano anche più brillantezza e quindi il risultato è giusto, a noi serviva per continuare a lavorare, siamo in progresso, piano piano troveremo la forma migliore”.

ACERBI – “Nel primo tempo ho avuto un’occasione, Acerbi è un grandissimo difensore, non lo scopro certo io. E’ stato un bel duello, la Lazio ovviamente si è dimostrata superiore però è stata una bella vetrina. Continuiamo a lavorare, ci servirà da insegnamento, imparare dai giocatori più forti è sempre bello”.

CAPOCANNONIERE – “Immobile capocannoniere in Serie A e Mancosu in B? Magari, ci metterei una firma ora”.

LAZIO ROMA – “L’anno scorso abbiamo affrontato la Roma a gennaio dopo la sosta, qui invece siamo ancora in piena preparazione, il calcio d’agosto non fa testo e fare paragoni ora sarebbe azzardato. La Lazio comunque l’ho vista bene, in mezzo al campo ha una grande mobilità e tecnica, ha Badelj, Luis Alberto, Correa, tutti giocatori pronti a dare il loro contributo”.

ESORDIO – “L’esordio in Serie A non si scorda mai, segnai alla Lazio a Roma, è una data che non dimenticherò mai. L’Olimpico poi è uno degli stadi più affascinanti d’Italia, il più bello, sono emozioni che rimarranno sempre con me”.

Intervista a cura di Marco Barbaliscia

© RIPRODUZIONE RISERVATA - La riproduzione, anche parziale, dell’articolo è vietata. I trasgressori saranno perseguibili a norma di legge.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.