CALCIOMERCATO

FIGC, ecco la norma anti Super League: “Non si potrà partecipare a competizioni non organizzate dalla UEFA”

- Advertisement -
Tempo di lettura: < 1 minuto
- Advertisement -

FIGC GRAVINA SUPER LEAGUE – Dopo il terremoto della Super League, che per giorni ha tenuto banco in Italia e in Europa, la FIGC, attraverso il presidente Gabriele Gravina, ha approvato la norma che impedisca ai club italiani di partecipare a competizioni non UEFA o FIFA. Al termine del consiglio federale, ecco le parole del presidente della FIGC.

Le parole di Gabriele Gravina

“Quanto alla norma anti-Superlega, chi ritiene di voler partecipare a una competizione non prevista e non autorizzata da Figc, Uefa e Fifa, perderà l’affiliazione. Chi ha interpretato la Superlega come un atto di semplice debolezza da parte di alcune società che vivono difficoltà economiche, sbaglia. Al momento non abbiamo notizia di chi è rimasto e chi è uscito. Questa norma verrà inserita nelle licenze nazionali e poi sarà incardinata nel codice di giustizia sportiva. Se, entro la scadenza delle domande ai campionati nazionali, qualcuno aderisce ad altri campionati di natura privatistica, è fuori. Ho chiesto che per la stagione 2021-2022 le società non superino con le spese l’80% dei ricavi. Chi vorrà spendere di più dovrà mettere una garanzia fideiussoria. Così eviteremo alternative fantasiose che possano turbare gli equilibri. Finale di Coppa Italia? Abbiamo presentato una richiesta alla sottosegretaria allo sport Vezzali, insieme alla Lega Serie A, per far accedere una parte di pubblico negli eventi importanti del mese di maggio come la finale di Coppa Italia”.

- Advertisement -© RIPRODUZIONE RISERVATA - La riproduzione, anche parziale, dell’articolo è vietata. I trasgressori saranno perseguibili a norma di legge.

Latest Posts

APPROFONDIMENTI