lazionews-roma-mkhitaryan-pedro-dzeko-pellegrini
Foto LaPresse
Tempo di lettura: 2 minuti

FOCUS AVVERSARIA ROMA – Contro il Parma, la Lazio ha trovato il suo secondo successo consecutivo. Adesso per i biancocelesti è il momento di concentrarsi per ottenere la terza vittoria di fila e rientrare definitivamente in lotta per le prime posizioni. D’altronde, non c’è due senza tre. L’avversaria da superare è la rivale di sempre, la Roma. Venerdì 15 gennaio alle 20:45, infatti, la squadra di Simone Inzaghi scenderà in campo nel derby della Capitale. La partita in cui l’unica cosa che conta è vincere. Le due compagini, dati i recenti risultati, arrivano all’incontro con fiducia. I giallorossi occupano attualmente il terzo posto in classifica e vengono da un pareggio raggiunto nei minuti finali contro l’Inter. La Lazio, invece, sta piano piano ritrovando lo smalto dei tempi migliori.

Roma, Fonseca ha trovato il bandolo della matassa

Se la scorsa stagione la Roma non è riuscita ad esprimersi al meglio, quest’anno sembra aver trovato il bandolo della matassa. Il merito è da attribuire all’allenatore Paulo Fonseca. Il portoghese si è adattato molto bene al calcio italiano e ha lavorato tanto sull’aspetto tattico della squadra. Il tecnico giallorosso, dopo aver insistito con il 4-2-3-1, è passato al 3-4-2-1. Con questo sistema di gioco ha valorizzato al 100% i ragazzi che ha a disposizione e i risultati si vedono: 10 vittorie, 4 pareggi e 3 sconfitte (di cui una a tavolino nella prima giornata contro il Verona). A giovare maggiormente di questo cambio di modulo sono stati gli esterni. Infatti, Spinazzola, Karsdorp e Bruno Peres hanno caratteristiche che vengono esaltate quando giocano a tutta fascia e non da terzini.

Roma, i punti di forza dei giallorossi

La Roma è una squadra che fa della qualità il suo punto di forza. Il mister Paulo Fonseca può contare in attacco su tre veterani come Dzeko, Mkhitaryan e Pedro, che rendono la manovra offensiva giallorossa imprevedibile. L’ex Barcellona, però, è reduce da un infortunio al bicipite femorale e potrebbe non essere della partita. Al suo posto, in caso, agirebbe Pellegrini, altro calciatore che possiede una tecnica superiore alla media. La loro classe, abbinata alla velocità degli esterni, potrebbe creare non poche problematiche alla Lazio. Tuttavia, i biancocelesti non dovranno fare attenzione solo alle loro giocate. Infatti, sarà importante contenere anche Veretout. Il centrocampista francese è una pedina fondamentale per il gioco di Fonseca. Con la sua aggressività riesce facilmente a bloccare le iniziative avversarie e a far ripartire l’azione. Inoltre, è bravo anche ad inserirsi e a farsi trovare pronto in zona gol. Simone Inzaghi sa bene cosa aspettarsi e farà di tutto affinché a trionfare sia la Prima Squadra della Capitale.

Emanuele Castellucci

Pubblicato il giorno 11/01/2021

© RIPRODUZIONE RISERVATA - La riproduzione, anche parziale, dell’articolo è vietata. I trasgressori saranno perseguibili a norma di legge.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.