Gregucci: "Lazio, un anno positivo nonostante il cambio di sistema di gioco"

Pubblicato 
venerdì, 10/06/2022
Di
Martino Cardani
lazionews.eu-angelo-gregucci-lazio
Tempo di lettura: 2 minuti

GRECUCCI INTERVISTE LAZIO- Angelo Adamo Gregucci, ex difensore della Lazio, ha parlato ai canali ufficiali biancocelesti nel giorno del suo compleanno (Auguri!). Le sue riflessioni si sono concentrate sulla stagione appena terminata e il mercato con vista 2022\2023.

Le parole di Gregucci: sul primo anno di Sarri

 "Secondo me è stato un anno positivo, aveva delle difficoltà intrinseche visto che segnava il passaggio da un sistema calcistico ad un altro. La classifica finale non è stata male. Mi sarei aspettato di più dalle Coppe Europee, dove si poteva fare meglio".

Sul mercato

"Adesso bisogna fare un mercato strutturale, anche per necessità. Va cambiata la spina dorsale della squadra, rimpiazzando molte certezze che avevamo. Non bisogna sbagliare nulla, mettendo dentro calciatori di rilievo e di importanza vitale. Tutto passerà da Milinkovic. In base alla sua permanenza il mercato si evolverà in modo o in un altro. Se arriva un’offerta da 80 milioni di euro ci si può pensare, altrimenti no. Per lui però probabilmente è l’ultima occasione per il grande salto o nel caso può sposare a vita il progetto Lazio".

Su Milinkovic e Luis Alberto

“Con Inzaghi erano più dentro al campo perché bisognava lasciare le fasce libere agli esterni. Con Sarri le coperture in fascia sono due e nella fase di non possesso bisogna scivolare con le ali sugli esterni. Questo gli ha tolto lucidità soprattutto Luis Alberto. Penso comunque che entrambi possano giocare un calcio di qualità a prescindere dai moduli". 

Sul futuro e i risultati

"Ad inizio della passata stagione si sapeva che i primi mesi sarebbero stati difficili. Adesso i calciatori hanno imparato lo spartito tattico e chi arriverà sarà funzionale all’idea di gioco dell’allenatore. Quindi si parte in una situazione di vantaggio rispetto allo scorso anno. La Lazio già da qualche anno viaggia nei piani alti della Serie A. Ha un’eredità di calciatori importanti che fino a qualche anno fa erano tra i migliori nel loro ruolo, in particolar modo a centrocampo. Questo ha permesso di raccogliere ciò che ha lasciato per strada la Juventus durante il suo dominio".

Sulla Nazionale

"Se il restyling passerà dai giovani come si sta vedendo in queste ultime apparizioni la difficoltà sarà che molti di questi non giocano in squadre che non disputano le coppe europee. Questi ragazzi devono fare esperienza nei top club. È lo step fondamentale da fare per poter crescere. Degli esempi in tal senso sono i vari Scamacca, Raspadori e Gnonto che ad oggi giocano in formazioni che non disputano le competizioni internazionali. Ormai non abbiamo più i blocchi delle big come un tempo. Il lavoro di Mancini non sarà per niente facile visto che veniamo da un Europeo vinto con in mezzo due mancate qualificazioni mondiali".

LEGGI ANCHE: Calciomercato Lazio, obiettivo Ilic: può arrivare senza cessioni

, ,
Non perdiamoci di vista, seguici!
linkedin facebook pinterest youtube rss twitter instagram facebook-blank rss-blank linkedin-blank pinterest youtube twitter instagram