Restiamo in contatto

NOTIZIE

IL CORRIERE DELLO SPORT. Lazio, non c’è posto per tutti

Pubblicato

il

Tempo di lettura: 3 minuti

IL CORRIERE DELLO SPORT. Lazio, non c’è posto per tutti

Uno stralcio dell’articolo de Il Corriere dello Sport. Edy Reja ha già fatto le sue scelte…

ROMA – […] La nuova Lazio, per esplicita spiegazione del tecnico friulano e per convinzione dei suoi dirigenti che hanno voluto e inseguito Cissè dopo aver preso Klose, giocherà con due punte e un trequartista. Ci sono dei motivi fondamentali e sarebbe super­fluo ricordarli: alla Lazio della passa­ta stagione mancava un bomber. Ne sono stati presi due di livello interna­zionale e che certo non hanno scelto Formello per venire a fare le compar­se. Sono qui per giocare a tempo pie­no e nel proprio ruolo. Si tratta di due primissime scelte, che presto il cam­pionato italiano invidierà a Reja. Al­tra decisione condivisa da tecnico e società quella di puntare su Herna­nes, atteso ancora più della passata stagione e intorno a cui verrà costrui­ta la squadra. Dando per scontata la difesa a quattro, che Reja ha adottato sistematicamente in ritiro, l’unico modulo possibile per ottenere un equilibrio è il 4-3-1-2, scelto all’inizio dell’estate e ap­plicato con fre­quenza quotidia­na nelle esercita­zioni tattiche sul campo di Auron­zo. Con un play­maker basso, il tecnico dovrà scegliere ogni volta uno tra Ledesma, Matuzalem e Cana. Potrà alternare nel ruolo di in­terno destro Brocchi e Gonzalez (che gode della stessa considerazione degli altri) e ha chiesto alla società una mezz’ala sinistra da affiancare a Mau­ri, l’unico che può sostituire Herna­nes sulla trequarti.


VARIANTE –
Gli altri giocatori importan­ti in organico, per esempio Sculli e Za­rate, darebbero a Reja la possibilità di cambiare il modulo in corsa, passando al 4-2-3-1, oppure in Europa League quando deciderà di giocare con una so­la punta. Ma non è quello che vuole fa­re in partenza, ricordando le sofferen­ze della passata sta­gione a trovare il gol.[…]

COMPROMESSO –C’è una formula ibrida che si è vista per pochi minuti nel pri­mo tempo con lo Slavia Praga e in un paio di partitelle ad Auronzo. Come ve­ro e proprio schema, Reja non l’ha mai provato nelle esercitazioni. […] Si tratta di un compromesso tra il 4-2-3-1 e il 4-3-1-2 con l’ingresso di Cana sulla linea mediana e Cissè sulla fascia destra. Dei tre centrocampisti centra­li, si sgancerebbe in fase offensiva so­lo Mauri. E il Leone francese partireb­be davanti a Konko. L’ipotesi potrebbe prendere corpo, ma si tratta di un adat­tamento con qualche controindicazio­ne, a meno che l’albanese non dimostri di saper interpretare il ruolo di interno destro. Brocchi e Gonzalez sembrano più adatti. E Cissè spesso si defila per­ché va a cercarsi gli spazi e la profon­dità (parole di Reja). Un conto è farlo da vero attaccante, un altro da ala co­me succedeva a Zarate nella passata stagione, scatenando polemiche infer­nali. Il francese a destra senza obblighi di rientro può essere una soluzione da verificare quando arriveranno le parti­te vere, tenendo conto del principio enunciato da Edy: attaccare con cin­que uomini e difendere con gli altri cinque, come succede con il 4-3-1-2.

DIFESA A TRE –Le opinioni sono tante, ma il calcio è uno solo. Per mettere dentro un altro centrale di centrocam­po accanto a Ledesma, Reja avrebbe solo quattro possibilità: togliere una punta tra Klose e Cissè, mettere Her­nanes tra le riserve sposando il 4-4-2, costringere Cissè a giocare all’ala destra, tornare al­la difesa a tre in­vertendo il per­corso compiuto l’estate scorsa, quando decise di sposare la linea a quattro dopo il ko con la Samp alla prima di campionato. […]

Clicca per commentare

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Lazionews.eu è una testata giornalistica Iscritta al ROC Autorizzazione del Tribunale di Roma n. 137 del 24-08-2017 Società editrice MANO WEB Srls P.IVA 13298571004 - Tutti i diritti riservati