Restiamo in contatto

NOTIZIE

IL MESSAGGERO. Ecco l’Europa, terra di Klose.

Uno stralcio dell’articolo de Il Messaggero: Prima all’Olimpico per il tedesco pluridecorato…

Pubblicato

il

Tempo di lettura: 2 minuti

Il Messaggero – Ecco l’Europa, terra di Klose

Uno stralcio dell’articolo de Il Messaggero: Prima all’Olimpico per il tedesco pluridecorato…

Tocca finalmente anche a Miroslav Klose. Per il tedesco, assente nell’amichevole con la Real Sociedad di una settimana fa, quella con il Rabotnicki sarà la prima partita all’Olimpico. Miglior esordio non ci poteva essere per il panzer biancoceleste, considerato che l’Europa è praticamente come se fosse casa sua. In campo internazionale Miro ha raccolto i successi più importanti della carriera, anche se la maggior parte della partite e dei gol messi a segno, 24 in 60 gare, sono di Champions League.

[…] Edy Reja conta sull’esperienza dell’attaccante tedesco, ma pure su Djibril Cisse. I due faranno coppia domani sera, con il francese che nel 4-2-3-1 partirà largo a sinistra e Klose che sarà il terminale offensivo. Il bomber che dovrà cercare di finalizzare al meglio le azioni dei trequartisti e dei centrocampisti. Il tedesco rappresenta tutto quello che è mancato l’anno scorso: rapidità, potenza e soprattutto fiuto del gol. Entrambi, Klose e Cisse, si dovranno cercare spesso lì davanti, anche se l’intesa già in questo mese di preparazione non ha fatto che migliorare giorno dopo giorno.

[…] In molti hanno negli occhi il francese, se non altro perché nell’amichevole con la Real Sociedad ha impressionato per condizione, tenuta, visione di gioco e tecnica, ma dicono che il tedesco stia addirittura meglio. Qualche piccolo assaggio, in effetti, c’è stato la settimana scorsa nell’amichevole tra Germania e Brasile, con Klose che appena è entrato, pur non segnando, è stato decisivo per sbloccare la partita con due incredibili assist (uno di tacco) e di conseguenza per la vittoria finale. In patria l’hanno esaltato, affermando che da quando è alla Lazio sembra rigenerato e addirittura più forte rispetto a prima.
Lui, Miro, che ha vissuto il primo mese in Italia senza la moglie Sylvia e i due figli Luan e Noah, si è dovuto adattare ai ritmi italiani. All’inizio non è stato facile adeguarsi a una colazione leggera (in Germania è l’opposto) o alzarsi un po’ più tardi rispetto al solito, ma «con il tempo ti abitui e diventa normale». L’approccio con la lingua è ancora un po’ tosto, ma sta studiando e a breve potrà rispondere alle domande in italiano. Da un paio di settimane la famiglia l’ha raggiunto nella capitale, nella villa all’Olgiata (vicino a Formello) e tutto procede per il verso giusto. Adesso non resta che scendere in campo e segnare il primo gol ufficiale con la maglia della Lazio. Ecco, proprio perché è un perfezionista, qui vorrebbe arrivare per primo.

Clicca per commentare

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Lazionews.eu è una testata giornalistica Iscritta al ROC Autorizzazione del Tribunale di Roma n. 137 del 24-08-2017 Società editrice MANO WEB Srls P.IVA 13298571004 - Tutti i diritti riservati