Restiamo in contatto

NOTIZIE

IL MESSAGGERO. Lazio, non c’è vita a centrocampo

Uno stralcio dell’articolo de Il Messaggero. Il mercato non ha portato il centrale difensivo e il centrocampista che servivano…

Pubblicato

il

Tempo di lettura: 2 minuti

IL MESSAGGERO. Lazio, non c’è vita a centrocampo

Uno stralcio dell’articolo de Il Messaggero. Il mercato non ha portato il centrale difensivo e il centrocampista che servivano…

ROMA – Alla fine dello scorso campionato il tifoso qualunque, la massaia di Tor Sapienza (non di Voghera) che capisce di Lazio, avrebbe detto: per migliorare il quinto posto servono un centrale da affiancare a Dias, vista la veneranda età di Biava, comunque da tenere di riserva; un centrocampista di movimento capace, se possibile, di inserirsi e di tirare in porta; una punta che segni più di Floccari e Rocchi, entrambi peraltro degni di restare in rosa. Al limite, in più, un esterno di sinistra migliore di Garrido, dietro Radu. […]
Sono arrivati Marchetti in porta: sulla carta più o meno a livello di Muslera; Konko e Lulic come terzini: non valutabili per ora; Stankevicius come jolly: serviva? Cana a centrocampo: di movimento, di inserimento? No, si direbbe. Klose e Cissè in avanti, due centravanti invece di uno: ben assortiti? Lasciateci la perplessità. Rosa completa: 35. Eppure mancano due priorità su tre: centrale e centrocampista. A un mesetto dalla fine delle trattative.
Questo va detto prima di passare a Reja, sulla graticola in queste ore per via di certe scelte tecnico-tattiche non esattamente convincenti. […] Allora è a lui per primo che queste osservazioni vanno rivolte. Che identità avrebbe questa squadra? Palla a Hernanes e stop? Dove sono le alternative, i crossatori per Klose? Chi sveltisce la manovra per esaltare le doti contropiediste di Cissè? Si può fare davvero a meno di Zarate (un errore darlo via), da una vita l’unico nella rosa in grado di saltare l’uomo? E vogliamo parlare della difesa indebolita rispetto allo scorso anno, visto che Lichtsteiner era l’unico in grado di fare degnamente le due fasi? Sono interrogativi universali, non legati al calcio estivo che vale quello che vale ma che finora è stato avaro non solo di soddisfazioni ma perfino di timidi progressi.
Il tecnico è probabilmente fermo nella granitica convinzione che bastasse trovare attaccanti più prolifici, che quello fosse il problema principale. Si fida di Brocchi, di Mauri, dello stesso Matuzalem, dimenticando la loro carta d’identità. Ma con questo centrocampo non si va da nessuna parte, gli altri mettono la freccia e passano al doppio della velocità. Di giovani non c’è traccia, […]
La società ha speso molto. Probabilmente molto ha sprecato. Ma c’è ancora tempo per rimediare in corsa. Altrimenti è meglio che Reja si metta a studiare un altro calcio, con due interditori e quattro attaccanti. Con la difesa e tre, se Konko e Lulic dovessero essere al di sotto delle aspettative. O con Gonzalez, se sarà ancora quello della Coppa America, l’unico che abbia un minimo di cambio di passo. Finora si è vista una Lazio farraginosa in attacco e a tratti delittuosa in difesa. E molto dipende da questo centrocampo, a meno che Cana, l’unico nome nuovo del reparto, non diventi un altro entrando in forma. Tare dice che Reja ora guida una Ferrari. Ma una Ferrari di cinquant’anni fa[…]

Clicca per commentare

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Lazionews.eu è una testata giornalistica Iscritta al ROC Autorizzazione del Tribunale di Roma n. 137 del 24-08-2017 Società editrice MANO WEB Srls P.IVA 13298571004 - Tutti i diritti riservati