Restiamo in contatto

NOTIZIE

IL TEMPO. Garanzia Klose: ha già conquistato compagni e tifosi

Uno stralcio dell’articolo de Il Tempo. Miro si sta ritagliando uno spazio di rilievo in questa Lazio…

Pubblicato

il

Tempo di lettura: 2 minuti

IL TEMPO. Garanzia Klose: ha già conquistato compagni e tifosi

Uno stralcio dell’articolo de Il Tempo. Miro si sta ritagliando uno spazio di rilievo in questa Lazio…

(foto getty images)

I compagni già lo adorano, Reja stravede per lui, i tifosi sono pronti ad esultare per le prodezze in campo come ha fatto vedere nella sfida d’esordio in Europa League. Miroslav Klose tedesco di Polonia, anzi polacco naturalizzato in Germania, ha già conquistato tutti a Formello facendo ricredere chi pensava di potersi trovare di fronte un giocatore sulla via del tramonto venuto a svernare alla Lazio. Arriva per primo agli allenamenti, si mette a disposizione, insomma è adorato dall’intero staff tecnico biancoceleste. Un episodio su tutti: allenamento con la squadra Primavera, il tecnico Bollini resta allibito dalla disponibilità di Miro, capace sul finire della seduta di andare a raccogliere i palloni e di portarli nello spogliatoio insieme con i magazzinieri. Insomma, un giocatore vero, campione dentro e fuori dal campo che magari riderà poco ma non lascia nulla al caso per poter proseguire la sua carriera fino ai mondiali brasiliani del 2014. Il segreto della sua longevità, peraltro nemmeno esagerata visto che ha appena compiuto 33 anni, è questo: lavoro, sudore e umiltà per arrivare ad insidiare il record di gol con la Germania di Gerd Muller.[…]Venerdì ha timbrato il cartellino grazie a una fortunata deviazione di caviglia vista dall’arbitro Tagliavento. Sì, proprio lui che i tifosi laziali odiano per tante decisioni sbagliate negli ultimi derby, stavolta ha fatto un favore a Klose consegnandosi un gol prezioso per il suo record con la nazionale tedesca. Miro racconta l’episodio nella partita contro l’Austria (vinta 6-2) che ha dato la qualificazione a Euro 2012: «Ho toccato il pallone, il primo gol è mio. Se non avessi toccato la palla non avrei esultato e sarei andato ad abbracciare Mesut, credo che Ozil possa accontentarsi di una doppietta. Mi sento in perfetta forma, certo i tempi di recupero non sono gli stessi di quando hai 25 anni. Quali sono i miei segreti? Non credo di averne. La mia mentalità e la mia testa mi permettono di reggere ancora molto bene. La Lazio? Mi trovo benissimo, ora dobbiamo solo attendere le prime partite di campionato per capire i nostri obiettivi». […]. Miro è pronto a conquistare gli ultimi scettici che si fanno condizionare dalla carta d’identità: è lui che può far dimenticare in fretta il doloroso divorzio da Zarate.

Clicca per commentare

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Lazionews.eu è una testata giornalistica Iscritta al ROC Autorizzazione del Tribunale di Roma n. 137 del 24-08-2017 Società editrice MANO WEB Srls P.IVA 13298571004 - Tutti i diritti riservati