(getty images)

«Aho, ce devi fa un go’ ar derby». È questa, nel novanta per cento dei casi, la prima fase che ascolta qualsiasi giocatore di Roma o Lazio quando atterra a Fiumicino per la prima volta. Giusto per far capire anche ai novellini il valore del derby nella Capitale. La prima è proprio quella tra i portieri. Marchetti e Stekelenburg si avvicinano alla stracittadina con umori diversi. Entrambi sono partiti con alcune incertezze. Poi, mentre l’estremo difensore della Lazio cominciava a dare sempre più segnali rassicuranti, l’olandese della Roma si è dovuto fermare per il trauma cranico e cervicale rimediato nello scontro con Lucio. I dottori temevano uno stop più lungo, invece Stekelenburg ha ricominciato ad allenarsi con costanza e a candidarsi per un posto da titolare. La prossima settimana di allenamenti sarà decisiva per valutare il suo impiego. Federico Marchetti a Firenze ha finalmente fatto intravedere frammenti di quel portiere che, da Cagliari, si era saputo conquistare la maglia della Nazionale. Anche in difesa sono tanti gli iscritti al «ballo dei debuttanti». Konko, Lulic e Stankevicius da una parte; Kjaer, Heinze e José Angel dall’altra. Il giusto mix di esperienza e di incoscienza giovanile. C’è un vero e proprio veterano dei derby come Heinze, che li ha giocati sia a Madrid con la maglia del Real che a Manchester con quella dello United. I più giovani Kjaer, Lulic e José Angel potrebbero patire un po’ di emozione, ma non sempre il noviziato si rivela un ostacolo. A centrocampo la sfida potrebbe essere meno accesa. Dalla parte biancoceleste, infatti, difficilmente si vedrà in campo Lorik Cana. Non fosse altro perché la mediana è il reparto che, da parte Lazio, vanta più reduci dall’ormai lontana ultima vittoria sulla Roma: Ledesma, Brocchi e Matuzalem. Sarà a loro che, con ogni probabilità, si affiderà Edy Reja per sfatare il tabù personale. Anche tra i centrocampisti giallorossi sarà improbabile vedere in campo volti nuovi. Un po’ perché Gago è reduce da un infortunio e al massimo dovrebbe partire dalla panchina, un po’ perché Pjanic è il maggior indiziato a sostituire Totti nel ruolo di trequartista qualora in capitano giallorosso non dovesse recuperare dalla lesione muscolare alla coscia. Assai più saporita la sfida in attacco, con una serie di fuoriclasse che non vedono l’ora di mettere il marchio sulla gara più importante dell’anno ed entrare definitivamente nel cuore dei tifosi. La Lazio schiererà gli inamovibili Klose e Cisse. Entrambi hanno esperienza da vendere e hanno segnato gol a tutte le latitudini. Il tedesco non è tipo da fare proclami, assai più loquace, sull’argomento, il francese: «Gli ultimi cinque derby la Lazio li ha persi. Ma io amo rompere le serie: il Sunderland non batteva il Newcastle da 30 anni, poi con me in campo…».Lamela sarà convocato per la prima volta e spera di poter rivivere almeno per qualche minuto le sensazioni delle sfide tra River e Boca.

Print Friendly, PDF & Email
© RIPRODUZIONE RISERVATA - La riproduzione, anche parziale, dell’articolo è vietata. I trasgressori saranno perseguibili a norma di legge.
La nostra redazione nasce nel 2011, per la grande immensa passione per la Lazio che ci ha sempre guidato dalla nascita. Il nostro obiettivo è quello di rendere l'informazione biancoceleste libera da ogni tipo di commento e di opinione personale. A noi piace fare i 'cronisti', raccontare quello che vediamo, quello che ci viene detto attraverso le nostre esclusive, approfondire ogni tematica riguardante la prima squadra della Capitale. Il nostro slogan? "Lazionews.eu: la tua Lazio, in tempo reale". FORZA LAZIO!!!

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.