Restiamo in contatto

NOTIZIE

IL TEMPO. Venerdì si parte, tutte all’inseguimento del Milan: Lazio e Roma le outsider

Uno stralcio dell’articolo de Il Tempo. Il campionato sta per cominciare…

Pubblicato

il

Tempo di lettura: 2 minuti

IL TEMPO. Venerdì si parte, tutte all’inseguimento del Milan: Lazio e Roma le outsider

Uno stralcio dell’articolo de Il Tempo. Il campionato sta per cominciare…

(getty images)

Coraggio, la crisi di astinenza sta per esaurirsi, torna il campanile, emblema del calcio più amato e più ricco di passione, il campionato. Non è bastata a colmare il vuoto di interesse la prima delle due uscite azzurre, utile però malinconica. Da venerdì il via al primo spezzatino stagionale, che promuove un vernissage sontuoso, la visita della Lazio ambiziosa al Milan campione in carica, in attesa che si alzi il sipario sui perfino più esaltanti scenari europei, anche in questo caso il timbro rossonero con la trasferta al Camp Nou. Griglia di partenza soltanto ipotizzabile, dunque è il campionato scorso a delineare la prima fila, campioni, secondi e terzi in ordine di merito. Sarà ancora il Milan di Allegri a reclamare il primo gradino, soprattutto per avere conservato nelle grandi linee la fisionomia dell’ultima stagione, senza privarsi di alcuno degli artefici del trionfo, compreso lo scomodo ma prezioso Cassano.[…]

L’Inter ha ancora diritto al ruolo di prima rivale, nonostante abbia privilegiato il risanamento del bilancio privandosi di Eto’o. Peccato che in prospettiva europea si sia macchiata di una sbalorditiva leggerezza, quel Forlan era ineligibile per la Champions. Certo, leggere i giornali è esercizio faticoso, ma di fronte a uno stipendio non proprio da morti di fame qualche sacrificio si può fare. Tono modesto della campagna estiva, elevato dall’arrivo di Zarate, forse il più ambizioso tra i colpi di mercato in entrata. A differenza delle milanesi, non ha lesinato fondi Aurelio De Laurentiis. […] Seconda fila a suggerire aspirazioni di uno dei tre posti in Champions, con la Juventus e le due romane. Un po’ enigmatica la formazione affidata a Conte, ancora moltissimi gli arrivi ma il salto di qualità possono prometterlo soltanto Pirlo, arrivato gratis, e Vucinic, indotto a lasciare Roma dai capricci di un tifo animato da pregiudizi. Lichtsteiner è un buon esterno, forse la difesa avrebbe richiesto qualche attenzione in più, magari troppi i giocatori di fascia sinistra.

La Lazio ha perduto Zarate, divorzio per incompatibilità di carattere, ma ha conservato l’ossatura che le aveva consentito di mantenersi a lungo in zona Champions. Più collaudata, dunque, rispetto ai cugini, che hanno puntato si giovani di talento ma devono affrettarsi per darsi una fisiononia precisa. Per mezzi tecnici, tuttavia, la Roma potrebbe rappresentare l’autentica mina vagante per la parte nobile della classifica. Udinese e Genoa in terza fascia, con Palermo e Fiorentina a ridosso, friulani esaltati dalla stagione ultima, ma le partenze di Inler e soprattutto Sanchez non potranno essere indolori. Poi le formazioni tradizionalmente votate a una salvezza senza palpiti, il Chievo è, in proposito, una garanzia, il Parma ha i mezzi per riscattare una stagione inferiore alle attese[…] La salvezza è già un traguardo per le altre, il Catania di Montella, il Lecce, il Siena, ma anche l’Atalanta, mortificata dall’handicap della penalizzazione. C’è anche il Novara, naturalmente, dopo cinquantacinque anni di assenza, tutti dovranno fare attenzione alle insidie del suo campo in sintetico.

Clicca per commentare

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Lazionews.eu è una testata giornalistica Iscritta al ROC Autorizzazione del Tribunale di Roma n. 137 del 24-08-2017 Società editrice MANO WEB Srls P.IVA 13298571004 - Tutti i diritti riservati