inzaghi-lazionews-lazio
Getty Images
Tempo di lettura: 2 minuti

SIMONE INZAGHI LAZIO – Il tecnico della Lazio, Simone Inzaghi, è intervenuto in conferenza stampa in vista del match contro il Milan. Di seguito le sue parole.

Situazione infortuni

“Prima dobbiamo fare l’allenamento di domani mattina per valutare le condizioni di Leiva e Cataldi, per capire se possono aiutarci. I ragazzi hanno voglia ma hanno ancora qualche problema fisico. Domani mattina faremo un po’ di risveglio muscolare e capiremo. In questo momento abbiamo diverse defezioni, ma tutti vogliono sempre fare bene. Per quanto riguarda Cataldi e Leiva abbiamo aspettato domani perché soprattutto Leiva ha avuto dei problemi dopo l’operazione ma oggi ha fatto 30 minuti con la squadra. Danilo, invece, ha avuto una distorsione importante, è generoso e fa di tutto per esserci. Marusic non ci sarà né domani né contro il Lecce, proveremo a recuperarlo per il Sassuolo così come Luiz Felipe. Lazzari questa mattina non si è allenato, era affaticato ma sarà convocato e penso che ci sarà”.

Il carattere della squadra

“Penso che i ragazzi abbiano mostrato la propria grinta già a Torino. Era la terza partita in pochi giorni, cosa che non è capitata a nessun’altra società. Siamo andati a Torino in emergenza ma abbiamo fatto una grande gara. I ragazzi hanno mostrato tanto carattere e spirito di sacrificio”.

L’obiettivo Champions e il sogno scudetto

“Penso che questi ragazzi stiano disputando una grandissima stagione. Sono orgoglioso di essere il loro allenatore. Il nostro scudetto, ricordando da dove siamo partiti, è la qualificazione in Champions League e mancano 7 punti per raggiungerla. Dobbiamo centrare la qualificazione matematica e poi provare poi a lottare fino alla fine con la Juventus“.

Calendario più semplice prima dello scontro con la Juventus

“Giocare in questo periodo è più difficile rispetto a prima. Abbiamo molte partite ravvicinate, quindi aldilà del calendario ogni partita risulta difficile e può portare delle insidie.”

Record di allenatore con più panchine in biancoceleste

“Questo è un dato che mi piace, so che tra poco batterò questo record. Per me è importante, sono anni che sono qui e sono molto legato a questo gruppo di giocatori. Senza di loro non ci sarebbero stati i trionfi nelle coppe e non saremmo a questo punto in campionato. Affrotniamo il Milan che è una squadra molto organizzata e forte”.

Pioli e Ibrahimovic

Pioli lo conosco bene, l’ho avuto qui mentre allenavo la primavera. Lui è un allenatore molto preparato nonché un’ottima persona. Ibrahimovic sicuramente è un top player, vedremo se partirà dall’inizio ma in ogni caso sarà un osservato speciale”.

© RIPRODUZIONE RISERVATA - La riproduzione, anche parziale, dell’articolo è vietata. I trasgressori saranno perseguibili a norma di legge.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.