lazionews-lazio-sampdoria-simone-inzaghi
LaPresse
Tempo di lettura: 2 minuti

LAZIO CLUB BRUGGE INZAGHI – La Lazio ha pareggiato contro il Club Brugge e si è qualificata agli ottavi di finale di Champions League. Il mister Simone Inzaghi ha parlato ai microfoni di Sky e in conferenza stampa, dicendosi orgoglioso del risultato ottenuto. Di seguito le sue dichiarazioni.

Inzaghi sulla qualificazione agli ottavi

“Penso che solo domani capiremo quello che abbiamo fatto. Siamo tornati in Champions dopo 13 anni e dopo 20 siamo tra le prime 16 squadre d’Europa con merito. Inoltre non abbiamo mai perso e partita dopo partita ci siamo guadagnati questa qualificazione. Stasera abbiamo fatto una grande gara anche se non abbiamo fatto il terzo gol. Avevo dei ragazzi che non stavano bene a fine primo tempo e gli ho chiesto un sacrificio. Peccato non poter festeggiare con i tifosi anche se sappiamo di avergli dato una grande gioia. Siamo contenti”.

Le similitudini con la sua Lazio del 2000

“Sì ci sono. Due grandissime squadre, di carattere e con grandi giocatori. Entrambe hanno vinto trofei. Per me questa qualificazione è come averne vinto un altro dopo un lavoro iniziato 4 anni e mezzo fa. Siamo orgogliosi”.

La sofferenza del finale di partita

“Può succedere che 11 contro 10 puoi soffrire. Sarà giusto fare un’analisi degli ultimi 15 minuti, ma per 70 ho visto una grande squadra. Sappiamo le energie che porta via il campionato anche se dovevamo subire meno. I ragazzi hanno fatto un’impresa, adesso dobbiamo mettere tutto quello che abbiamo sabato col Verona perché è una gara importante. Ora però è giusto goderci quello che abbiamo fatto che non è stato semplice. Spero che Immobile superi i miei gol già quest’anno”.

La vittoria con il Dortmund

“La vittoria contro il Dortmund è stata una grande iniezione di fiducia, abbiamo battuto una grande squadra contro il Borussia. Qualificazione meritata, adesso testa e cuore al campionato”.

Girone

“Ero molto tranquillo, abbiamo fatto un girone strepitoso. Per quello che abbiamo fatto la qualificazione è meritatissima”.

I cambi

“Avrei dovuto fare prima i cambi. Luis Alberto, Leiva e Immobile stanno giocando sempre. Già alla fine di primo tempo gli ultimi due avevano delle problematiche, dovevo farli uscire. Volevo fare il 3-1, purtroppo non c’è riuscito. Hanno dato il cuore ma non erano in perfette condizioni fisiche. Speriamo siano al top per la prossima”.

© RIPRODUZIONE RISERVATA - La riproduzione, anche parziale, dell’articolo è vietata. I trasgressori saranno perseguibili a norma di legge.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.