Lazio, l'avv. Gentile: "Convinto che a Lotito non spetti l'inibizione. Non finisce qui"

Pubblicato 
venerdì, 26/03/2021
Di
Redazione Lazionews.eu
Tempo di lettura: < 1 minuto

LAZIO FIGC GENTILE - In mattinata sono state avanzate le richieste da parte della Procura della FIGC sul caso tamponi che ha coinvolto la Lazio. La sentenza, arrivata pochi minuti fa, ha confermato seppur con qualche modifica le indicazioni delle scorse ore. Multa da 150mila euro per la società e inibizione di 7 mesi per Claudio Lotito. Inibizione di 12 mesi, invece, per i medici sociali Rodia e Pulcini. Prima della pronuncia della Corte, l'avvocato Gian Michele Gentile aveva detto ai microfoni di RaiSport: "Sono molto esagerate le richieste avanzate dalla procura della Figc. Sono richieste frutto di una visione completamente sbagliata dell’intera vicenda". Al termine dell'udienza, però, è stato intercettato da LaPresse e ha commentato così le condanne.

Il commento dell'avv. Gentile

"Niente punti di penalizzazione? Su questo siamo sollevati perché la stampa aveva preannunciato interventi catastrofici. Ho sentito parlare addirittura di retrocessione. Quando abbiamo sentito i 200 mila euro di multa, beh non è una clava. Come ci muoveremo sui mesi di inibizione per Lotito? Non ho fatto subordinate, non ho detto 13 mesi sono troppi e facciamo sei. Siamo convinti che non spetta nulla. Da quello che si è capito stamattina si andrà sicuramente al Collegio di Garanzia. Non finisce qui in un modo o nell'altro. La Procura è con il coltello tra i denti. Tempi per la sentenza? Me lo aspetto per l'inizio della prossima settimana".

, , ,
Non perdiamoci di vista, seguici!
linkedin facebook pinterest youtube rss twitter instagram facebook-blank rss-blank linkedin-blank pinterest youtube twitter instagram