Ledesma: "Ho seguito l'Argentina, Scaloni è un grande amico. Mihajlovic un esempio..."

Pubblicato 
martedì, 20/12/2022
Di
Andrea Castellano
lazionews-lazio-ledesma-cristian
Tempo di lettura: < 1 minuto

LAZIO LEDESMA INTERVISTA - Ai microfoni di Radiosei è intervenuto Cristian Ledesma, ex giocatore della Lazio. Tra i tanti temi toccati ha parlato di Lionel Scaloni e della recente scomparsa di Sinisa Mihajlovic.

LEGGI ANCHE ---> Calciomercato Lazio, Fares in uscita: la situazione

Lazio, le parole di Ledesma

"Con Lionel avevamo stretto una grande amicizia, è stato un punto di riferimento. E’ stato un giocatore importante e mi aspettavo potesse diventare un allenatore bravo. Era totalmente malato di calcio, seguiva tutto, era già predisposto alle cose tattiche, si interessava di tutto. Eravamo noi due a cucinare l’asado, ricordo una volta in cui abbiamo cucinato 60 kg di carne, impiegammo ore, c’era tutto lo staff da sfamare. La nostra è stata una Lazio che è piaciuta alla gente, abbiamo fatto molto a livello di squadra anche se c’era sempre la problematica tra i tifosi e la dirigenza. Gettammo le basi per quello che è avvenuto dopo. Ho seguito il mondiale e ho seguito con molto piacere il percorso dell’Argentina. Mi è piaciuto vedere Messi caricarsi emotivamente la nazionale sulle spalle".

Riguardo Mihajlovic

"Su queste cose sono molto rispettoso, non ero amico di Mihajlovic ma l’ho conosciuto e ci siamo spesso incrociati. Per lui e per la sua famiglia massimo rispetto. Ho conosciuto uno dei suoi figli, l’ho allenato alla Luiss, dispiace ma le persone come lui non muoiono, restano. E’ stato un esempio per il modo in cui ha affrontato la sua malattia, ha sempre mantenuto il sorriso".

, , ,
Non perdiamoci di vista, seguici!
linkedin facebook pinterest youtube rss twitter instagram facebook-blank rss-blank linkedin-blank pinterest youtube twitter instagram