Tempo di lettura: < 1 minuto

LAZIO MANFREDINI CONDANNA – Cristian Sisostri Manfredini è stato un centrocampista della Lazio dal 2004 al 2011: sette stagioni nelle quali, però, ha totalizzato solo 5 gol in 98 presenze, uno di questi in Champions League contro il Werder Brema. L’ex giocatore, attualmente allenatore nei settori giovanili, è stato condannato a 8 mesi di reclusione dal Tribunale di Torino per violazione degli obblighi di assistenza familiare. Una brutta storia proprio il giorno dopo della ricorrenza della Festa del Papà.

I FATTI – Secondo quanto riportato dalla ‘Gazzetta dello Sport’, infatti, Manfredini è padre di una ragazza di 22 anni della quale però non si è mai interessato. Dopo averla riconosciuta soltanto dopo i test del DNA, l’ex laziale non ha mai inviato gli assegni di mantenimento e ora dovrà anche pagare una multa pari a 500 euro e il risarcimento di 6.500 euro alle parti civili. A margine della sentenza, l’avvocato della parte offesa Dimauro ha preso parola per fare maggiore luce sulla vicenda.

LE PAROLE DI DIMAURO – “Non è una questione di soldi. Sarebbe opportuno che Manfredini riprendesse i rapporti con la figlia. Hanno una solo foto insieme in vent’anni di vita. Non hanno mai festeggiato un compleanno, un Natale. Lui, che l’ha riconosciuta dopo l’esame del Dna, non ne ha mai voluto sapere. Ha spiegato di essersi interessato sempre e solo al calcio. Lei l’ha cercato più volte, nella speranza che si decidesse a fare il padre”.

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA - La riproduzione, anche parziale, dell’articolo è vietata. I trasgressori saranno perseguibili a norma di legge.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.