lazionews-lazio-coppa-italia-cremonese
Getty Images
Tempo di lettura: < 1 minuto

PAGELLE LAZIO CREMONESE LAZIONEWS.EU – Pomeriggio tranquillo all’Olimpico per la Lazio che, come da pronostico, batte 4-0 la Cremonese e accede ai quarti di finale di Coppa Italia. I campioni in carica affronteranno nel prossimo turno il Napoli che ha superato il Perugia per 2-0. Queste le pagelle del nostro direttore Paolo Cericola.

Proto 6,5: poche occasioni per mettersi in mostra. Bravo su Palombi nella ripresa.

Bastos 7: controlla senza particolari patemi Palombi. Bravo ad inserirsi ed a chiudere la gara sul 4 a 0 di testa. 

Luiz Felipe 6: Inzaghi lo piazza centrale e lui fa il suo in maniera ordinata anche se meglio da centrale destro. Si fa ammonire per un’ingenuità. 

Acerbi 6,5: lui le gioca tutte, anche questa. Inzaghi lo piazza a sinistra come sempre fa il suo. 

Patric 7,5: torna titolare dopo l’infortunio e ci mette 10 minuti a metterla dentro da 5º di destra. Gioca un’ottima gara.

Parolo 7: la solita sostanza e qualità. Trova anche il goal del raddoppio con un velenoso inserimento. 

Cataldi 6,5 : cresciuto tanto da inizio stagione, conferma anche questa sera l’ottimo momento. Esce avvertendo un fastidio muscolare. 

Berisha 6,5: si vede poco. Qualche buona giocata ma poco incisivo. 

Jony 7:  i due goal del primo tempo nascono da due sue accelerazioni. Le sue doti di spinta non si discutono. 

Adekanye 6: corre su tutti i palloni. Alle volte è poco lucido. 

Immobile 7: non molla nulla neppure il rigore del 3 a 0 che lo porta a 109 in maglia Lazio a -13 dalla leggenda Chinaglia. 

Inzaghi 7: passa facile ai quarti contro il Napoli a fine mese. Nessun pericolo mai. Troppo facile.

Print Friendly, PDF & Email
© RIPRODUZIONE RISERVATA - La riproduzione, anche parziale, dell’articolo è vietata. I trasgressori saranno perseguibili a norma di legge.
Nella notte dei tempi, era il 1994, decisi che il giornalismo doveva essere la mia strada; così è stato. Ho iniziato con il nuoto poi il calcio dei grandi. Ho consegnato giornali nei bar, nei circoli, per strada, annusando il profumo delle rotative ed il fascino della stampa su carta. Mondiali, europei, Nazionale, il miglior momento del calcio Nazionale con le ‘7 sorelle’....non mi sono fatto mancare nulla. Ho lavorato per il Corriere dello Sport, il Tempo, il Giornale, l’agenzia di Stampa Dire, Radio Incontro e dal 1997 sono inviato di Radio Radio. L’unico hobby che ho coltivato ed al quale non rinuncio: 3 figli meravigliosi.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.