luis-alberto-lazionews-lazio
Getty Images
Tempo di lettura: 2 minuti

LAZIO FIORENTINA PAGELLE – La Lazio torna a vincere dopo lo stop di Bergamo e supera per 2-1 la Fiorentina. Nel deserto dello stadio Olimpico la squadra di Simone Inzaghi ribalta la Viola nella ripresa, con le reti di Immobile e Luis Alberto. Queste le pagelle del direttore di Lazionews.eu, Paolo Cericola.

Lazio Fiorentina le pagelle di Paolo Cericola

Strakosha 6 Ribery lo gela al primo tiro, nulla può. Ringrazia la traversa su Ghezzal, bravo su Castrovilli nella ripresa.
Patric 5,5 Troppo morbido nel tentativo di contrastare gli avanti gigliati. Jony non lo aiuta in copertura
Acerbi 5,5 Non è ancora lui ed il goal del vantaggio viola lo conferma.
Bastos 5,5 Ha la palla del vantaggio sulla testa ma alza troppo. Non è una gran serata neppure per lui, ammonito Inzaghi lo toglie per Radu.
Lazzari 6,5 Ha un passo diverso rispetto ai compagni. L’unico che mette ansia agli avversari con continue accelerazioni.
Luis Alberto 6,5 Per 80 minuti lo vedi poco o nulla, parla molto con i compagni per prendersi la responsabilità di qualche giocata importante ma poche gli riescono. Poi mette dentro un 2 a 1 delizioso.
Parolo 5,5 Prende subito il giallo. Fatica a trovare la giusta misura nella velocità nei contropiedi viola
Milinkovic 6 Un altro rispetto a Bergamo. Da lui ti aspetti che si carichi la squadra sulle spalle ma incide pochissimo. Meglio nella ripresa
Jony 6 Troppo timido in chiusura. Lirola lo mette spesso in difficoltà puntandolo spesso ma quando alza il baricentro diventa pericoloso collezionando l’assist per il rigore di Caicedo
Caicedo 6 Non la prende mai fino al 20’ della ripresa quando Dragowsky gli frana addosso. Rigore del pareggio.
Immobile 6 Non si vede mai. Chiuso e marcato strettissimo da Pezzella fatica a trovare spazi e conclusioni ma mette dentro il rigore del pareggio.
Inzaghi 6 Torna all’Olimpico dopo 119 giorni ed il mondo si è capovolto. Passa dal più lanciato verso la Juventus a quello più penalizzato e con maggiori difficoltà di formazioni. La Lazio è lenta e poco pericolosa per 45 minuti poi esce prima dei Viola di 10 minuti nell’intervallo e li cambia la gara. Rischia dopo il goal di Ribery di perderla ma ci mette cuore ed alla fine la vince restando a – 4 dall Juve

© RIPRODUZIONE RISERVATA - La riproduzione, anche parziale, dell’articolo è vietata. I trasgressori saranno perseguibili a norma di legge.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.