lazionews-lazio-cagliari-immobile-milinkovic
Foto LaPresse
Tempo di lettura: 2 minuti

LAZIO CAGLIARI PAGELLE – Sprazzi di vecchia Lazio. E il risultato non poteva che essere una vittoria. La squadra di Simone Inzaghi batte il Cagliari 2-1 e blinda il quarto posto in classifica. Per la sicurezza di un posto in Champions League bisognerà aspettare l’esito delle coppe europee, ma la serata è da incorniciare. E sul campo il traguardo è conquistato. Dopo l’iniziale vantaggio siglato da Simeone, i gol di Milinkovic e Immobile hanno ribaltato il match. Queste le pagelle del nostro direttore, Paolo Cericola.

Lazio Cagliari le pagelle di Paolo Cericola

Strakosha 6 Due tiri e due reti. Una annullata per tiro diretto quando è indiretto, l’altro deviato da Luiz Felipe.
Patric 6,5 Torna dopo la squalifica ed è subito fluido ed incisivo.
Luiz Felipe 6,5 Sempre attento ed ordinato. Lucido in ogni chiusura, peccato il tocco sul tiro di Simeone che beffa Strakosha
Acerbi 6,5 Gioca a sinistra chiudendo e spingendo con assoluta continuità. Mette paura a tutti su una scivolata pericolosa
Lazzari 7 Ancora una volta uno dei migliori. Accende il motorino e accelera sulla destra mettendo cross e seminando avversari
Luis Alberto 7,5 Torna ad essere delizioso. Gioca in punta di piedi come ama collezionando palloni pregiati per i compagni. Serve l’ennesimo assist ad Immobile
Parolo 7 Tanto lavoro pulito e sporco. Si piazza davanti alla difesa non permettendo al Cagliari di sfondare mai
Milinkovic 7 Ancora una volta fa la differenza. Forza fisica dirompente e classe cristallina fanno un mix devastante. Il goal una perla.
Jony 6 Spunti interessanti con accelerazioni improvvise che seminano gli avversari.
Caicedo 5,5 E’ quello meno fluido di tutti. Si vede che arranca e fatica. Non ne ha. Ci mette tanta voglia, ma è in palese riserva.
Immobile 7,5 In notevole crescita. Si vede da come corre, pressa e si danna l’anima.
Inzaghi 7 Festeggia la 200ª panchina laziale chiudendo la corsa Champions League con 3 giornate di anticipo e numeri positivi con una Lazio in crescita che si aggancia al carro del 2º posto.

© RIPRODUZIONE RISERVATA - La riproduzione, anche parziale, dell’articolo è vietata. I trasgressori saranno perseguibili a norma di legge.
Nella notte dei tempi, era il 1994, decisi che il giornalismo doveva essere la mia strada; così è stato. Ho iniziato con il nuoto poi il calcio dei grandi. Ho consegnato giornali nei bar, nei circoli, per strada, annusando il profumo delle rotative ed il fascino della stampa su carta. Mondiali, europei, Nazionale, il miglior momento del calcio Nazionale con le ‘7 sorelle’....non mi sono fatto mancare nulla. Ho lavorato per il Corriere dello Sport, il Tempo, il Giornale, l’agenzia di Stampa Dire, Radio Incontro e dal 1997 sono inviato di Radio Radio. L’unico hobby che ho coltivato ed al quale non rinuncio: 3 figli meravigliosi.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.