lazionews-lazio-brescia-immobile-correa-1-0
Foto LaPresse
Tempo di lettura: 2 minuti

LAZIO BRESCIA PAGELLE – La Lazio ottiene il massimo risultato con il minimo sforzo e archivia la pratica Brescia con un netto 2-0. Una rete per tempo, prima di Correa, poi di Ciro Immobile, arrivato a quota 35 in serie A. Nel finale la squadra di Simone Inzaghi ha rischiato di aumentare il bottino dei gol, ma la traversa ha fermato Luis Alberto. I capitolini tornano così a pari punti in classifica con l’Atalanta ed a -1 dall’Inter. Il podio si deciderà all’ultima giornata. Queste le pagelle del nostro direttore, Paolo Cericola.

Lazio Brescia, le pagelle di Paolo Cericola

Strakosha 6 Si nota solo per il look color aragosta. Il Brescia non lo impegna mai
Patric 6,5 Bravo ed attento sia in chiusura sia in spinta. Sempre attento.
Luiz Felipe 6,5 Ancora una volta gioca centrale. Non ha particolari insidie dagli attaccanti bresciani, non soffre mai
Acerbi 6,5 non ne salta una. Ancora una volta stringe i denti, il ginocchio destro si fa sentire, ma lui non è mai condizionato.
Lazzari 6,5 Il solito motorino sulla destra. Un paio di accelerazioni devastanti, i pericoli per gli ospiti vengono spesso dal suo piede
Luis Alberto 6 Gigioneggia un po’ troppo. Cerca spesso la giocata ad effetto, ma senza fortuna. Sbaglia assist non da lui
Parolo 6,5 Molto dinamico, non si ferma un attimo. Sempre in aiuto alla difesa, pronto a far partire i compagni
Milinkovic 6 Non fa una gran partita. Poco incisivo, poca cattiveria. Non incide
Jony 5,5 La solita prestazione positiva in fase offensiva dove fa un paio di cose egregie, male in chiusura dove soffre sempre troppo
Correa 7 Cerca con continuità l’assist per Immobile e lo trova nel finale di gara. In crescita la sua prestazione con un goal di ottima fattura.
Immobile 7,5 Si danna l’anima per cercare la rete che superi Lewandoski trovandola solo nel finale. Oggi è Scarpa d’Oro. Fa 35 puntando ora Higuain. Gli manca un po’ l’assistenza di Luis Alberto.
Inzaghi 7 Vince e resta in corsa per la seconda piazza. Non una brillante prestazione, ma la vittoria ed il 35º goal di Immobile valgono i tre punti

© RIPRODUZIONE RISERVATA - La riproduzione, anche parziale, dell’articolo è vietata. I trasgressori saranno perseguibili a norma di legge.
Nella notte dei tempi, era il 1994, decisi che il giornalismo doveva essere la mia strada; così è stato. Ho iniziato con il nuoto poi il calcio dei grandi. Ho consegnato giornali nei bar, nei circoli, per strada, annusando il profumo delle rotative ed il fascino della stampa su carta. Mondiali, europei, Nazionale, il miglior momento del calcio Nazionale con le ‘7 sorelle’....non mi sono fatto mancare nulla. Ho lavorato per il Corriere dello Sport, il Tempo, il Giornale, l’agenzia di Stampa Dire, Radio Incontro e dal 1997 sono inviato di Radio Radio. L’unico hobby che ho coltivato ed al quale non rinuncio: 3 figli meravigliosi.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.