CALCIOMERCATO

Martini: “Maestrelli? A lui devo tutto. Per Immobile stravedo”

- Advertisement -
Tempo di lettura: < 1 minuto

MARTINI LAZIO INTERVISTA – Luigi Martini ha scritto la storia della Lazio con la banda del ’74 e Tommaso Maestrelli. Oggi è intervenuto ai microfoni dei canali ufficiali biancocelesti.

Le parole di Martini

“Quella Lazio è rimasta nel cuore di tutti perché era talmente fuori dagli schemi che o la amavi o la odiavi. Mi scrivono da tutta Italia anche tifosi di altre squadre e questo identifica come quella squadra era riuscita a catturare le emozioni della gente che ci guardava. Sono diventato Luigi Martini grazie a Tommaso Maestrelli, sapevo giocare solo con lui. Da mediocre mediano mi spostò venti metri indietro facendomi diventare un terzino speciale”.

Sarri

Un uomo che nel calcio si è fatto da solo. Ha iniziato dai dilettanti ed è arrivato ad allenare grandi squadre. Inzaghi era esattamente l’opposto: è un allenatore che accompagna i giocatori a rendere il massimo, Sarri impone il suo gioco. Bisognerà vedere se i calciatori come Immobile si troveranno bene a cambiare mentalità. Sarri crede e vince con le sue convinzioni e tutti i giocatori si devono abituare, questo credo sia il passaggio più pericoloso”.

Immobile e Chinaglia

“Non c’è nulla di Immobile in Chinaglia, Ciro è più tecnico ed è un leader silenzioso. Giorgio era un leader che imponeva la sua leadership con grande determinazione e lealtà. Immobile per me è un fenomeno, sono un suo ammiratore per la sua semplicità. E’ un giocatore eccezionale”.

Luis Alberto

“Grande talento e gran giocatore. Era in forma e ancora non si capisce perché Luis Enrique non lo abbia convocato”.

- Advertisement -© RIPRODUZIONE RISERVATA - La riproduzione, anche parziale, dell’articolo è vietata. I trasgressori saranno perseguibili a norma di legge.

Latest Posts

APPROFONDIMENTI