Milan-Lazio, Panico: “Fino al cambio di Correa la Lazio ha fatto un’ottima partita. Per la Champions non è finita”. E su Acerbi…

MILAN LAZIO – Sabato sera la Lazio è stata sconfitta dal Milan per 1-0. L’ex calciatrice biancoceleste Patrizia Panico, ha analizzato così la sfida e gli episodi del post gara. Queste le sue parole ai microfoni della radio ufficiale dei capitolini.

MILAN LAZIO – “Faccio fatica a vedere la Lazio da allenatore e analizzare l’aspetto tattico. La partita è stata molto equilibrata, Simone Inzaghi l’ha preparata molto bene soprattutto nel primo tempo. Correa ha dato profondità e imprevedibilità. Fino al cambio la Lazio ha fatto un’ottima partita, Caicedo purtroppo non ha quella caratteristica e il Milan ha continuato a giocare nella metà campo della Lazio. Mettendosi a tre Gattuso era in superiorità numerica dietro, e anche l’uomo in più in mezzo al campo ha dato fastidio. Gli allenatori sono disposti a cambiare la loro filosofia. Uomo su uomo si fa fatica, basta sbagliare un duello individuale”.

CHAMPIONS – “La Lazio non alzerà bandiera bianca fino alla matematica. Le cose si erano già aggravate prima del Milan, si poteva raccogliere di più con Spal e Sassuolo.

EPISODI ARBITRALI – “E’ difficile non portarli dentro il campo. Da una sconfitta però si può e si deve trarre quello che di buono è stato fatto. Qualcosa non è andato come doveva: bisogna farne tesoro per ottenere la vittoria successiva”.

ACERBI – “È un capitano, un campione in campo e fuori. Un giocatore leale, sportivo, coraggioso: è un esempio sia come calciatore che come uomo”.

Print Friendly, PDF & Email
© RIPRODUZIONE RISERVATA - La riproduzione, anche parziale, dell’articolo è vietata. I trasgressori saranno perseguibili a norma di legge.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.