CAGLIARI, ITALY - DECEMBER 16: Felipe Caicedo of Lazio celebrates his goal 1-2 during the Serie A match between Cagliari Calcio and SS Lazio at Sardegna Arena on December 16, 2019 in Cagliari, Italy. (Photo by Enrico Locci/Getty Images)
Tempo di lettura: 2 minuti

LE PAGELLE CAGLIARI LAZIO – Questa sera la Lazio ha sconfitto per 2-1 il Cagliari in una rimonta pazzesca nel finale. Queste le pagelle del direttore di Lazionews.eu, Paolo Cericola.

Le pagelle di Cagliari-Lazio

Strakosha 7 tiene a galla la barca nel finale del primo tempo con due miracoli autentici, si ripete nella ripresa 

Luiz felipe 6 perde Joao Pedro sull’azione che porta al goal di Simeone, è spesso in ritardo 

Acerbi 6 se sbaglia anche lui allora non è proprio serata. Fatica a contenere Simeone e soci 

Radu 5 bruciato da Simeone sul vantaggio isolano, come il Cagliari accelera va in difficoltà 

Lazzari 6,5 un paio di buoni strappi ma nulla di più. Non trova mai la pericolosità necessaria ma è fra i pochi che si salva 

Milinkovic 6 fatica a trovare misure ed inserimenti importanti. Troppo compassato davanti alla velocità dei sardi 

Leiva 5 il ritmo indemoniato dei padroni di casa lo travolge. Troppo solo a far filtro davanti alla difesa ma anche troppo lento. 

Luis Alberto 6,5 soffre l’aggressività e la marcatura asfissiante di Nainggolan. Non trova mai le sue giocate, quelle necessarie ma. ha il merito di mettere dentro la palla del pareggio 

Lulic 5 troppo lento. Viene surclassato dalla velocità sarda che lo travolge. Non è al top e si vede 

Correa 6 qualche buona giocata anche se mai pericoloso, è comunque l’unico in grado di accendere l’attacco.

Immobile 6 ha subito la palla del vantaggio ma la spreca, non è serata per lui. Mai preciso.

Inzaghi 6,5 conferma la squadra che ha strapazzato la Juve ma di quella prestazione neppure l’ombra. Ritmi troppo lenti, gioco compassato, squadra involuta rispetto al recente passato. Il Cagliari sbaglia l’impossibile…..alle volte un po’ di fortuna non guasta, che sia l’anno giusto ?????

Caicedo 7 ormai è lo stellone….gioca ancora solo 10 minuti ma porta ancora i 3 punti…..

© RIPRODUZIONE RISERVATA - La riproduzione, anche parziale, dell’articolo è vietata. I trasgressori saranno perseguibili a norma di legge.
Nella notte dei tempi, era il 1994, decisi che il giornalismo doveva essere la mia strada; così è stato. Ho iniziato con il nuoto poi il calcio dei grandi. Ho consegnato giornali nei bar, nei circoli, per strada, annusando il profumo delle rotative ed il fascino della stampa su carta. Mondiali, europei, Nazionale, il miglior momento del calcio Nazionale con le ‘7 sorelle’....non mi sono fatto mancare nulla. Ho lavorato per il Corriere dello Sport, il Tempo, il Giornale, l’agenzia di Stampa Dire, Radio Incontro e dal 1997 sono inviato di Radio Radio. L’unico hobby che ho coltivato ed al quale non rinuncio: 3 figli meravigliosi.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.