PETKOVIC e TARE discutono della Lazio che verrà. Si pensa al 4-2-3-1: sì a Breno ed Ederson, ma serve una punta e un esterno

Vladimir Petkovic e la Lazio si sono incontrati, si sono piaciuti e si sono uniti in matrimonio. Manca ancora l’ufficialità da parte del club biancoceleste, ma che il bosniaco sarà il nuovo tecnico della squadra capitolina ormai è una certezza. Ieri ha visitato Formello insieme a Igli Tare e oggi è voluto tornare nel Centro Sportivo  per fare una passeggiata all’interno di quella che sarà la sua nuova casa. Ha sondato il terreno: ha voluto vedere di persona i campi dove si allenano i giocatori, ha visionato la palestra e la club house ed è rimasto positivamente colpito da tutto. Inoltre, si è dimostrato cordiale con chiunque incontrava, anche se, come dice chi lo conosce bene, è sembrato un tipo di poche parole.

In questa due giorni romana Petkovic è stato a stretto contatto con Igli Tare, con il quale ha trascorso tutti i pranzi e le cene parlando della Lazio che verrà. Sì perché dopo aver scelto l’allenatore, la società dovrà concentrarsi sul calciomercato riguardante i rinforzi per il nuovo anno. Si è parlato quindi di tattica, a tavola. Il tecnico bosniaco vuole disegnare la squadra con un 4-2-3-1 e ha già in mente gli uomini adatti per interpretare questo modulo. In porta ci sarà sicuramente Marchetti, con Konko a destra, Radu a sinistra e la coppia centrale tutta brasiliana formata da Dias e Breno; davanti ai quattro troveranno spazio Cana e Ledesma, mentre dietro all’unica punta Klose ci saranno Lulic, Hernanes e Ederson. Approvati, quindi, gli acquisti del difensore del Bayern e del centrocampista del Lione; resta da stabilire quale sarà la punta da comprare, perché Petkovic ha fatto questa richiesta al ds biancoceleste e bisogna capire dove ricadrà la scelta. Di nomi se ne sono fatti tanti: da Nilmar a Yilmaz, passando per Maxi Lopez. Nei prossimi giorni verrà stabilita la linea da seguire in questo senso. Come verrà capito anche su quale esterno basso si vorrà puntare per avere un ricambio valido sia sulla fascia destra che su quella sinistra.

Intanto, il nuovo allenatore della Lazio lascerà l’Italia a ore, per tornare poi la prossima settimana per la presentazione ufficiale, pronto e volenteroso per iniziare la sua nuova avventura. Avventura che comincerà sul campo il 9 luglio, quando la squadra inizierà il ritiro ad Auronzo di Cadore. Il rientro è previsto per 28 e non ci sarà la consueta tourné. E’ possibile, invece, che verrà effettuato un mini ritiro, sullo stile di quello di Fiuggi dello scorso anno, ma stavolta in Umbria. Inizia così la nuova era Petkovic.

L.B.

Print Friendly, PDF & Email
© RIPRODUZIONE RISERVATA - La riproduzione, anche parziale, dell’articolo è vietata. I trasgressori saranno perseguibili a norma di legge.
La nostra redazione nasce nel 2011, per la grande immensa passione per la Lazio che ci ha sempre guidato dalla nascita. Il nostro obiettivo è quello di rendere l'informazione biancoceleste libera da ogni tipo di commento e di opinione personale. A noi piace fare i 'cronisti', raccontare quello che vediamo, quello che ci viene detto attraverso le nostre esclusive, approfondire ogni tematica riguardante la prima squadra della Capitale. Il nostro slogan? "Lazionews.eu: la tua Lazio, in tempo reale". FORZA LAZIO!!!

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.