lazionews-lazio-lulic-senad
LaPresse
Tempo di lettura: < 1 minuto

Dal nostro inviato Alessandro De Dilectis

QUI FORMELLO – La Lazio è tornata in campo a Formello per la rifinitura in vista del derby contro la Roma. Il mister Simone Inzaghi, in conferenza stampa, ha annunciato che non faranno parte della partita Fares e Cataldi. L’algerino è alle prese con il solito problema al polpaccio, mentre l’ex capitano della Primavera ha un guaio muscolare. Tra gli assenti figura anche Strakosha, che deve ancora recuperare dal trauma alla coscia destra. La buona notizia per l’allenatore piacentino arriva da Correa. Il Tucu ha svolto tutto l’allenamento con il gruppo e sarà convocato per il match di domani. Positiva è stata anche la seduta di Senad Lulic. Come detto da Simone Inzaghi, il capitano torna a disposizione dopo undici mesi e chissà se potrà tornare ad assaggiare la Serie A già contro la Roma. Per il derby, il tecnico ha provato la stessa formazione che ha vinto bene a Parma. In difesa, davanti a Reina, toccherà ancora al terzetto formato da Luiz Felipe, Acerbi e Radu. Il problema all’adduttore dell’ex Sassuolo è totalmente rientrato e guiderà la retroguardia biancoceleste. Sugli esterni, vista l’assenza di Fares e la condizione non perfetta di Lulic, giocheranno Lazzari e Marusic. A centrocampo, ai fianchi di Leiva, agiranno Luis Alberto e Milinkovic. In avanti, invece, ci sarà la coppia formata da Ciro Immobile e Felipe Caicedo. Il numero 10 e l’attaccante napoletano, nonostante ieri non abbiano completato l’allenamento, saranno regolarmente in campo.

Lazio Roma, la probabile formazione biancoceleste

LAZIO (3-5-2) – Reina; Luiz Felipe, Acerbi, Radu; Lazzari, Luis Alberto, Leiva, Milinkovic, Marusic; Caicedo, Immobile.

© RIPRODUZIONE RISERVATA - La riproduzione, anche parziale, dell’articolo è vietata. I trasgressori saranno perseguibili a norma di legge.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.