Sarri: "Dobbiamo cercare di andare oltre le difficoltà". E su Immobile...

Pubblicato 
domenica, 16/10/2022
Di
Redazione Lazionews.eu
lazionewseu-lazio-sturm-graz-intervista-sarri
Tempo di lettura: 2 minuti

LAZIO UDINESE INTERVISTA SARRI - La Lazio ha pareggiato 0 a 0 contro l'Udinese. Maurizio Sarri dopo la partita ha parlato ai microfoni di Dazn e dei canali ufficiali del club. Ecco le sue parole.

LEGGI ANCHE----> Serie A, Lazio-Udinese 0-0, finale. Partita combattuta, pareggio giusto

Intervista Sarri: sulla gara

“La partita si è messa così, ci sta, dobbiamo cercare di andare oltre queste difficoltà. La squadra ci ha anche provato. Oggi abbiamo incappato nel peggiore avversario possibile quando fai tre partite in sei giorni. Incontrare una squadra con questo impatto fisico e accelerazione nelle ripartenze su un terreno ingiocabile, diventa un problema grosso. Ciro ha giocato troppo? C’è chi ha fatto anche più minuti di Immobile considerando anche la Nazionale. Difficile da valutare. Si gioca troppo in generale, è abbastanza evidente".

Sul sostituire Immobile

"L’abbiamo fatto anche l’anno scorso con la soluzione senza punto di riferimento con tre attaccanti di movimenti, anche abbastanza bene. Quando si parla di certi giocatori, è difficile riuscire a sostituirli senza avere un minimo d’effetto negativo. Hanno numeri troppo impattanti per dire che sarà uguale, sicuramente qualcosa dovremo pagare. Se ci ho parlato? Sensazioni lasciano il tempo che trovano, aspettiamo 48 ore, facciamo esami strumentali e capiamo un po’ la situazione".

Sulle condizioni del campo

"Il condizionamento è enorme. Avevamo preparato una serie d’uscite da dietro, abbiamo abolito tutto una volta concluso il riscaldamento. Cercare d’uscire con palla rasoterra veloce oggi era come innescare una bomba. Impossibile! Non so cosa ha intenzione di fare il nostro presidente, ma il terreno è questo, deve prendere un altro allenatore. Io su questi terreni qui non ci so giocare. Altrimenti andremo noi a giocare da qualche altra parte. Non sono nervoso, è una constatazione. Io faccio giocare le squadre con 700 passaggi palla a terra a partita, se trovo il terreno in queste condizioni non sono l'allenatore ideale. Se il terreno rimane questo, devono pensare a qualcun altro".

Sull'equilibrio del match

"Equilibrio? L’Udinese mi sembra abbia vinto contro tante squadre quindi è una squadra di grandissimo livello in questa fase iniziale di stagione. Noi ci abbiamo pareggiato nella terza partita in sei giorni. Avversario peggiore non potevamo trovarlo. Questo mi fa veramente piacere".

Sulla gestione delle forze

"Gestione? Non ci abbiamo ragionato molto, basta vedere gli ultimi minuti della partita in cui siamo andati vicino a una situazione pericolosa. Volevamo provarci fino alla fine, anche a costo di scoppiare".

, , ,
Non perdiamoci di vista, seguici!
linkedin facebook pinterest youtube rss twitter instagram facebook-blank rss-blank linkedin-blank pinterest youtube twitter instagram