© Mario Marmo - LaPresse 05 04 2009 Siena ( Italia ) Sport Calcio Siena vs Lazio- Campionato TIM Serie A 2008 2009 Nella foto : Sebastiano Siviglia ©Mario Marmo - LaPresse 05 04 2009 Siena ( Italy ) Sport Soccer Siena vs Lazio - Italian Serie A Soccer League 2008 2009 In the Photo: Sebastiano Siviglia
Tempo di lettura: < 1 minuto

SIVIGLIA LAZIO – Ha disputato con l’aquila sul petto ben 158 partite in sei anni, tra il 2004 ed il 2010, segnando anche 10 gol. Sebastiano Siviglia è rimasto legato all’ambiente biancoceleste. Vincitore con la Lazio di una Coppa Italia ed una Supercoppa italiana, l’attuale allenatore del Lecce Primavera è stato intervistato da Gianluca Di Marzio ed ha avuto modo di ricordare anche l’esperienza in terra capitolina.

Gli aneddoti di Siviglia su Tare e Inzaghi

“Spesso vado a Formello a guardare da vicino il lavoro del mio amico Inzaghi. Simone ormai è un top, apprezzo moltissimo la sua capacità di gestire e valorizzare il gruppo. Dall’esterno Tare sembra duro, burbero, invece no. Inzaghi lo stuzzicava sempre e Igli replicava. Una volta per saldare un debito a calcio-tennis, Tare ha bevuto due litri di tè in 2 minuti. Tutto questo avveniva in maniera naturale perché c’era grande empatia di gruppo. Per non parlare di Pasquale Foggia con cui ho condiviso la stanza in ritiro per anni. Ci lega un rapporto di vera stima e affetto, e Fabio Firmani, un grande amico. Eravamo un gruppo meraviglioso”.

L’esperienza alla Lazio

“Mi chiamò alle due di notte: “Sono Claudio Lotito, vieni alla Lazio? Abbiamo bisogno di te, ma sappi che devi abbassarti lo stipendio perché abbiamo bisogno di tenere i conti sotto controllo. Pensavo fosse uno scherzo, glielo dissi anche. Non è stato facile, specialmente all’inizio. All’epoca era una Lazio da ricostruire dalle fondamenta, il ridimensionamento degli ingaggi era un requisito essenziale per la sopravvivenza del club. I tifosi faticavano ad accettare un ridimensionamento dopo l’era Cragnotti, ma piano piano con tanto lavoro e sacrifico riuscimmo a far riaccendere la passione nel pubblico. E io sono fiero di essere stato uno dei simboli di quella Lazio operaia”.

© RIPRODUZIONE RISERVATA - La riproduzione, anche parziale, dell’articolo è vietata. I trasgressori saranno perseguibili a norma di legge.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.