lazionews-lazio-tare-igli-direttore-sportivo-calciomercato-ultime-notizie
LaPresse
Tempo di lettura: 2 minuti

IGLI TARE MANAGER OF THE YEAR LAZIO – Alle 17:00 presso l’Arena del Gusto di Amatrice è iniziata la cerimonia di consegna del ‘Premio Scopigno’ relativo alla stagione calcistica 2019/20. Sono tanti i nomi prestigiosi che hanno preso parte alla premiazione. Tra questi c’è anche Igli Tare, il quale ha ricevuto il titolo di “Manager Of The Year”. Queste le parole del ds biancoceleste, intervenuto a Radio Radio durante lo svolgimento della cerimonia.

Igli Tare sul calciomercato della Lazio

“Stiamo lavorando per risolvere i problemi. Non li abbiamo solo noi, ma tutto il calcio mondiale. Penso di essere a buon punto, ma finché le cose non sono scritte non posso cantare vittoria. Abbiamo le idee chiare, la Lazio avrà una squadra ancora più competitiva dello scorso anno. Non capisco il nervosismo che si è creato intorno a noi. Se non c’è credibilità sui giocatori acquistati, bisogna che ci sia sul lavoro fatto dalla dirigenza negli anni. Partiamo sempre in quinta fila, poi strada facendo molta gente sale con noi sul pullman. Non abbiamo timori, non mi sono piaciute le critiche”.

Igli Tare chiede fiducia

“Le critiche sono assurde. La squadra va vista all’opera, non prima delle ostilità. Gli attacchi subiti sono assurdi, ma ormai mi sono abituato. Mi meraviglio che ogni anno facciamo meglio, ma poi gli attacchi sono più forti. Questa società non lo merita. Abbiamo sempre tenuto i migliori giocatori, e aumentato le rotazioni inserendo nuovi elementi. Vogliamo giocare la Champions League nel migliore dei modi e ripeterci in campionato. La squadra è adatta per raggiungere questi scopi. Ci sono stati dei ritardi negli inserimenti. Pereira arriverà tra due o tre giorni, poi inseriremo anche Fares, Hoedt e Muriqi. Ora abbiamo bisogno del calore della piazza”.

Tare sulle cessioni della Lazio

“Ci sono dei giocatori in uscita, la cosa fondamentale che non va scordata è che la squadra è quella dello scorso anno. Eravamo stati criticati all’inizio della passata stagione. Questa cosa non aiuta. A Cagliari la squadra ha dato un segnale forte, sia a chi non crede in loro, che a se stessi. E’ un gruppo forte e unito. Il presidente ha un ottimo rapporto con l’allenatore, non ci sono rotture. La società e la squadra hanno bisogno di fiducia e di essere sostenute nei momenti di difficoltà. L’allenatore va messo nelle migliori condizioni. Dopo la sosta della Nazionale la squadra sarà completa”.

Il rinnovo di Simone Inzaghi

“Il nostro operato è il lavoro. Questo crea i presupposti per avere una squadra competitiva. Se il primo o l’ultimo giorno di mercato dipende poi dal percorso che viene fuori. Prima è meglio è, ma spesso non dipende da noi. Alcuni giocatori stanno rifiutando di andare via, dobbiamo pazientare. Sul campo poi risponderemo con i risultati, come abbiamo fatto negli ultimi anni. Andremo lontano tutti insieme. La rosa si è allargata, l’allenatore dopo la sosta per le Nazionali avrà una squadra completa e pronta per le due competizioni. Rinnovo Simone Inzaghi? La Lazio è casa sua, con noi ha un rapporto speciale. Non c’è un problema tra Lotito ed Inzaghi, ma solo stima reciproca. Nel momento opportuno ci si confronterà, mi auguro che si continuerà ancora insieme per tanti altri anni”.

© RIPRODUZIONE RISERVATA - La riproduzione, anche parziale, dell’articolo è vietata. I trasgressori saranno perseguibili a norma di legge.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.