La FIGC rinvia Genoa-Parma

Pubblicato 
venerdì, 27/02/2015
Di
Redazione LN
Tempo di lettura: 2 minuti


AGGIORNAMENTO 18:30 - La FIGC, tramite un comunicato ufficiale pubblicato sul sito, fa sapere la decisione relativamente alla partita tra Genoa e Parma.

Queste le parole del comunicato:
Il presidente della FIGC Carlo Tavecchio ha accolto la richiesta avanzata da AIC e AIAC ed ha autorizzato il rinvio della sfida di campionato Genoa-Parma, in programma domenica, a causa delle note vicissitudini del club gialloblu. A renderlo noto è stato lo stesso presidente durante la conferenza stampa che ha fatto seguito al Consiglio Federale: “Un fatto dal punto di vista amministrativo estremamente grave e non credo ripetibile – ha chiarito Tavecchio - a meno di casi in cui intervenga il Tribunale o altre autorità superiori. Di questa scelta sono stato investito dal Consiglio Federale, ma mi prendo la responsabilità personale. Considerando lo stato morale, etico, individuale e sportivo dei calciatori, ho ritenuto di rinviare la partita, ma non posso farlo ogni domenica”.
“Domenica scorsa – ha proseguito il presidente federale - è stata rinviata la partita perché la squadra non voleva giocare a porte chiuse. Non ho voluto mortificarli. Poi non sono stati fatti i passi che avevo auspicato. Nessuno ha presentato i libri in tribunale, quindi non si è aperta una procedura fallimentare e non si è ancora potuto iniziare un esercizio provvisorio per aiutare il Parma. La Lega di A si è detta disponibile ad aiutare un soggetto credibile, che può essere solo il Tribunale. Il Parma è allo sbando, ma la Figc non ha nessuna responsabilità per il default del club, né per quello che è accaduto dall'estate scorsa a oggi. In questo momento nessuno può dare un euro ad una società che sta fallendo, ma non è ancora fallita. Quindi, considerato lo stato d'animo dei calciatori, valutata la richiesta dell'Aic e dell'Associazione degli allenatori, rinviamo la partita con il Genoa, ma sarà l'ultima volta”.
E, sulla scia del caso Parma, Tavecchio annuncia un’altra decisione presa oggi dal Consiglio Federale: “Abbiamo dettato le linee guida che prevedono grosse restrizioni e responsabilità per chi compra un club di A. Non si potrà più acquistare una società per 1 euro”.

EXTRA LAZIO - La situazione del Parma peggiora di giorno in giorno. Proprio al riguardo, attraverso i microfoni di Radio24, il presidente dell'Aic Damiano Tommasi ha commentato: "Non ci sono le condizioni per affrontare una partita di Serie A. Abbiamo fatto alla Federazione la richiesta di rinvio della partita col Genoa. In queste condizioni non possono affrontare una partita del massimo campionato. Abbiamo deciso in accordo anche con i giocatori della formazione ligure, ora deciderà la Federazione. I calciatori del Parma vogliono aspettare un'altra settimana per capire se Manenti può andare avanti. È una situazione straordinaria che richiede misure straordinarie. Oggi, ripeto, il Parma non può scendere in campo. Aspettiamo l'Assemblea di Lega del 6 marzo, mi auguro che si riaccenda la speranza in questa settimana".


Non perdiamoci di vista, seguici!
linkedin facebook pinterest youtube rss twitter instagram facebook-blank rss-blank linkedin-blank pinterest youtube twitter instagram