Tommasi critica la riforma della Figc: "La rosa a 25 giocatori è un passo indietro"

Pubblicato 
lunedì, 05/10/2015
Di
Redazione LN
Tempo di lettura: < 1 minuto

NON SOLO LAZIO - Le nuove regole del calcio volute dal presidente Figc Tavecchio e da Lotito non piacciono a Damiano Tommasi, presidente dell'Associazione Italiana Calciatori. L'ex giocatore si era già espresso negativamente sulla riforma che da quest'anno vuole le rose composte da 25 tesserati e oggi, poco prima del consiglio direttivo all’Expo, ha avuto modo di ribadirlo: “La riforma della rosa a 25 giocatori, come temevamo, ha avuto effetto contrario di quello che si voleva. È un passo indietro della Federazione e credo manchi una spinta verso un cambiamento, che sia lungimirante e non pensi solo all'immediato. C'è meno posto per i nostri giovani, si vanno a pescare gli Under 21 all'estero. Già l'anno scorso le liste delle italiane in UEFA avevano il 70 per cento di stranieri. La rosa a 25 non è una soluzione, dispiace aver ragione. Non ha portato i frutti sperati. Le seconde squadre, con i giusti vincoli, aiuterebbero le nostre Nazionali e l'utilizzo dei nostri talenti. Dispiace vedere gli italiani non curati come potrebbe essere, perché anche la Nazionale avrebbe di conseguenza una maggiore scelta". 

Non perdiamoci di vista, seguici!
linkedin facebook pinterest youtube rss twitter instagram facebook-blank rss-blank linkedin-blank pinterest youtube twitter instagram