LaPresse
Tempo di lettura: 2 minuti

UNA STORIA DI MANI REINA – La 6^ giornata di Serie A sarà dedicata all’iniziativa “Una storia di mani” nell’ambito della campagna raccolta fondi della Lega del Filo d’Oro. Tra i protagonisti di questa importante operazione benefica ci sono diversi portieri del massimo campionato italiano, tra cui anche il laziale Pepe Reina. Di seguito tutte le modalità per poter donare.

“Una storia di mani”: come sostenere l’iniziativa

Basta un sms o una chiamata da rete fissa al 45514 fino al 31 dicembre per sostenere la Lega del Filo d’Oro, che da oltre 50 anni si prende cura di bambini e adulti sordociechi e pluriminorati psicosensoriali, e contribuire a ultimare il nuovo Centro Nazionale di Osimo. In particolare, la raccolta fondi servirà alla costruzione dell’edificio per la fisioterapia e l’idroterapia, con palestre e piscine, fondamentali per l’opera di assistenza della Lega del Filo d’Oro. Per questo le squadre della Serie A scendono in campo a sostegno dell’iniziativa “Una storia di mani” invitando tutti i tifosi a sostenere la Lega del Filo d’Oro con una semplice donazione attraverso un SMS al 45514. Straordinari protagonisti della campagna di comunicazione sono i 2 portieri della Nazionale: Gigio Donnarumma e Salvatore Sirigu, con Samir Handanovic e Daniele Padelli, Pepe Reina e l’ex Stefano Sorrentino. Insieme a loro, a sostenere l’iniziativa anche i due maestri di cucina Filippo La Mantia ed Ernst Knam e tre direttori d’orchestra noti al grande pubblico: Leonardo De Amicis, Pinuccio Pirazzoli e Peppe Vessicchio, che si affiancano ai testimonial storici della Lega del Filo d’Oro Renzo Arbore e Neri Marcorè. Le mani di tutti gli ambassador, insieme a quelle degli educatori del Filo d’Oro e a quelle dei bambini sordociechi, sono le protagoniste di alcuni bellissimi spot che vedremo in questi giorni sulle reti nazionali, dal titolo “Una storia di mani”. È proprio con le mani che gli operatori della Lega del Filo d’Oro riescono a trasmettere ai piccoli ospiti le informazioni necessarie per comunicare ed è attraverso le mani che questi bambini riescono a trasmettere le loro emozioni e ad entrare in contatto con il mondo che li circonda e con l’amore dei loro genitori.

© RIPRODUZIONE RISERVATA - La riproduzione, anche parziale, dell’articolo è vietata. I trasgressori saranno perseguibili a norma di legge.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.