BIRMINGHAM, UNITED KINGDOM - MAY 19: POKAL DER POKALSIEGER 98/99, FINALE, LAZIO ROM - REAL MALLORCA 2:1, Birmingham/ENG; Gustavo SIVIERO/REAL MALLORCA, Christian VIERI/LAZIO ROM (Photo by Mark Sandten/Bongarts/Getty Images)
Tempo di lettura: 2 minuti

VIERI LAZIO – Bobo Vieri è stato indubbiamente uno degli attaccanti italiani più talentuosi di sempre. Con la Lazio ha giocato solo un anno, ma gli fu comunque sufficiente a vincere una Coppa delle Coppe e a vivere grandi emozioni. Durante una diretta instagram con Damiano “Er Faina”, noto tifoso biancoceleste, il re dei bomber ha ricordato i suoi anni trascorsi a Roma.

Gli anni con la Lazio

“Ricordo bene quella Coppa delle Coppe, abbiamo vinto l’ultima. Sono passati più di 20 anni, e quello fu un gol molto importante. Era una Lazio forte, devastante, c’erano grandi giocatori, giocatori veri e di qualità, di quelli che non si trovano più oggi. Era una Lazio di uomini veri. Perché abbiamo perso quello Scudetto? Eheh (ride ndr). Diciamo che non lo so, abbiamo perso sei punti in due partite. Con la Juventus in casa dopo pochi minuti presi un palo interno, la palla uscì. Poi una traversa nel secondo tempo. La partita dopo il derby, tutta la difesa era squalificata. Infine abbiamo pareggiato a Firenze, dove c’era un rigore su Salas. Abbiamo perso partite stupide. Il giocatore più forte di quella Lazio? Partendo dalla difesa, Nesta e Mihajlovic. Non ci sono giocatori così in giro. Poi c’era Almeyda, un leone. Io e Salas davanti col Mancio, Boksic, Nedved, Conceicao, Favalli, Pancaro, Negro. Erano tutti fortissimi, con una qualità tecnica impressionante”.

Il suo trasferimento

“Rimpianti per essere andato via prima dello Scudetto? Dopo è sempre facile dirlo. In quel momento, quando sono andato via, volevo andare a giocare con Ronaldo e quindi avevo quell’idea in testa. Potevamo essere la coppia d’attacco più forte del Mondo. Può sembrar giusto o meno. Sono scelte, a volte vanno bene altre male. Sono comunque stato contento per i miei ex compagni. Abbiamo vissuto delle emozioni incredibili insieme. Birmingham è stata una notte fantastica. Tanti di loro poi mi hanno raggiunto all’Inter con me. Alla Lazio comunque sono stato da dio”.

Su Eriksson

“Lui una persona eccezionale, un grande gestore. Il tipico padre di tutti i giocatori. Si portò Mancini e Mihajlovic dalla Sampdoria, era davvero una bella persona. Eriksson diede un’anima a quella squadra. Non è facile gestire quei giocatori lì, con grande personalità. La Lazio ha vinto tanto, forse poteva vincere di più, qualche Scudetto, forse anche una Champions“.

© RIPRODUZIONE RISERVATA - La riproduzione, anche parziale, dell’articolo è vietata. I trasgressori saranno perseguibili a norma di legge.
La nostra redazione nasce nel 2011, per la grande immensa passione per la Lazio che ci ha sempre guidato dalla nascita. Il nostro obiettivo è quello di rendere l'informazione biancoceleste libera da ogni tipo di commento e di opinione personale. A noi piace fare i 'cronisti', raccontare quello che vediamo, quello che ci viene detto attraverso le nostre esclusive, approfondire ogni tematica riguardante la prima squadra della Capitale. Il nostro slogan? "Lazionews.eu: la tua Lazio, in tempo reale". FORZA LAZIO!!!

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.