MIAMI – Dramma per Armero. Il giocatore dell’Udinese è stato arrestato in America per aver aggredito in modo violento sua moglie, che avrebbe rifiutato di avere un rapporto sessuale. Il colombiano, impegnato con la sua nazionale nella preparazione alla Coppa America, avrebbe anche tagliato i capelli alla donna. Questo è quanto riporta il network statunitense Cbs: “Secondo le informazioni la polizia è accorsa in hotel dopo aver ricevuto alcune chiamate per una coppia che stava gridando in un hotel. Quando gli agenti sono entrati nell’abitazione hanno trovato una donna senza una parte dei suoi capelli, che erano al suolo. La donna in lacrime ha raccontato alla polizia che era andata a bere con Armero. Quando sono tornati nella camera del loro albergo, Armero voleva fare sesso con lei, e dopo il rifiuto si sarebbe alterato. Il calciatore avrebbe preso una macchinetta per capelli che era in hotel, avrebbe afferrato la donna per i capelli, cominciando a tagliarli. Armero si sarebbe difeso dicendo che sarebbe stata lei a chiedergli di tagliarle i capelli. La vittima avrebbe raccontato alla polizia che le violenze domestiche sarebbero già avvenute, ma l’episodio di martedì sarebbe troppo. La polizia avrebbe portato Armero in carcere in attesa di udienza”.

R.C

Print Friendly, PDF & Email
© RIPRODUZIONE RISERVATA - La riproduzione, anche parziale, dell’articolo è vietata. I trasgressori saranno perseguibili a norma di legge.
La nostra redazione nasce nel 2011, per la grande immensa passione per la Lazio che ci ha sempre guidato dalla nascita. Il nostro obiettivo è quello di rendere l'informazione biancoceleste libera da ogni tipo di commento e di opinione personale. A noi piace fare i 'cronisti', raccontare quello che vediamo, quello che ci viene detto attraverso le nostre esclusive, approfondire ogni tematica riguardante la prima squadra della Capitale. Il nostro slogan? "Lazionews.eu: la tua Lazio, in tempo reale". FORZA LAZIO!!!

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.