Restiamo in contatto

NOTIZIE

Caso tamponi, si riparte dall’appello: ci sarà una nuova Corte Federale

Pubblicato

il

lazionews-lazio-lotito-claudio-lazio-presidente
Tempo di lettura: < 1 minuto

LOTITO LAZIO TAMPONI – La Lazio può tirare un sospiro di sollievo. Tutti coloro che si aspettavano una condanna per i biancocelesti per lo scandalo dei tamponi sono rimasti delusi. Nella giornata di ieri il Collegio di Garanzia del Coni ha inviato di nuovo il procedimento alla Corte Federale d’Appello, la quale dovrà formulare le motivazioni. Possono sorridere il presidente Claudio Lotito e i medici Pulcini e Rodia.

Il passaggio in appello: gli scenari

Adesso l’attesa è rivolta all’uscita della sentenza definitiva con le motivazione emesse dal Collegio di Garanzia, poi si tornerà davanti alla Corte Federale. Secondo le prime pagine del Corriere dello Sport la composizione della corte sarà diversa rispetto al 30 aprile. L’unico ad aver avuto un inasprimento della pena era stato il presidente Claudio Lotito, con una condanna da 7 a 12 mesi. Con una sanzione di 12 mesi Lotito decaderebbe come consigliere federale, mentre con una sanzione di 10 mesi, concessa dal rinvio in appello, la decadenza verrebbe scongiurata. Perciò tutta la società biancoceleste può accogliere con ottimismo questa decisione del Collegio di Garanzia.

LEGGI ANCHE —> Caso tamponi, terminata l’udienza: l’avvocato della Figc: “Regole non rispettate

Continue Reading
Clicca per commentare

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.